Image
Affresco S.Angelo in Formis
Image
Cattedrale

Se è vero, come è vero, che il Vescovo Bernardo, nato nel 1040 probabilmente proprio in terra di Carinola da famiglia nobile e cristiana che lo aveva inviato a Montecassino nell'abbazia benedettina governata dal Monaco Desiderio che poi divenne Papa Vittore III,  ebbe la sua prima sede vescovile in Foro Claudio,  è altrettanto vero che prima di essere nominato vescovo egli fu primo consigliere del Principe Giordano di Capua.Nessuna decisione veniva presa-leggiamo nel martirologio- nel Principato di Capua  se prima non veniva consultato il Consigliere e Cappellano Bernardo. Correva l'anno 1086 quando moriva il vescovo Giovanni che lasciava vacante la sede di Foro Claudio e la scelta non poteva che cadere su Bernardo:vescovo per scelta unanime di clero e popolo!A Roma in quel momento era Papa Vittore III che conoscendo le qualità di Bernardo volle venire personalmente a Capua il 21 Marzo 1987 per consacrarlo vescovo a 47 anni! Primo pensiero del Vescovo Bernardo fu quello di costruire una nuova sede vescovile degna di questo nome e comunque più sicura e più grande di quella di Foro Claudio (S.Maria in Foro Claudio a Ventaroli) quindi  venne costruito un grandioso monumento in stile romanico a cinque navate e lo stesso palazzo vescovile certamente più sorvegliato e sicuro di quello precedente nel villaggio vicino! Poi nel 1095 operò la traslazione dell'eremita San Martino, monaco benedettino, per il quale all' interno della cattedrale venne costruita una tomba, cattedrale talmente bella che il papa di allora Pasquale II volle venire ad inaugurarla e consacrarla personalmente, correva l'anno 1100! Ormai la cattolicità di Carinola e l'insegnamento di S.Benedetto di Montecassino erano indissolubilmente uniti da un legame storico e religioso! Correva l'anno 1109 il 12 Marzo quando Bernardo volò al cielo e Gionata allora Conte di Carinola  gli destinò il sarcofago di marmi pregiati che aveva fatto costruire per sè e per la sua famiglia, sarcofago (leggiamo nel martirologio) scolpito da antichi romani e reperito in qualche villa nei dintorni (forse a civitarotta) ed è lì nella sua cattedrale che ancora oggi San Bernardo è sepolto! Ma quel legame storico religioso con il pensiero benedettino ben presto cominciò a vacillare se  dalla storia poi dell’Abate Tosti si ha che Vantra (attuale Rocca d'Evandro)nel 1117 ebbe distrutte dal tremulo case e chiese; che poco dopo l’Abate Cassinese Oderisio vi si fortificò contro Riccardo da Carinola, il quale andava ad espugnare il Castello della Pica Ed era proprio Vantra che apparteneva ai monaci mentre Rocca di Vantra apparteneva al Conte.(continua)


Percorso

Abbiamo 246 visitatori e nessun utente online

 

GDPR e EU e-Privacy