CARINOLA.NET

La Notizia e non solo!

Font Size

SCREEN

Cpanel

EVENTI E COSTUMI

CANTATA MESI . . .FORSE. . . E DOVE?

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

ImageA causa dell'enormità di rifiuti accumulatisi su tutte le strade di tutte le frazioni oltre ai mercati settimanali sono state sospese dall'Amministrazione Comunale tutte le manifestazioni in luoghi pubblici che si sarebbero dovute svolgere, in occasione del CARNEVALE, nelle varie frazioni del nostro comune.A Nocelleto era previsto uno spettacolo musicale per il quale gli organizzatori avrebbero già pagato la SIAE. Sempre Martedì 5 Febbraio alle ore 15,00 per SAN DONATO di Carinola era prevista la tradizionale quasi millenaria  "Cantata dei mesi".Già lo scorso anno il tempo inclemente costrinse gli organizzatori ad un tour de force. Si potrebbe, a nostro avviso, tenere la manifestazione in luoghi privati  come, per esempio,le famose aie. Sarebbe peraltro un ritorno alla tradizione vera, visto che la cantata dei mesi un tempo si svolgeva con i mesi a cavalcioni di asini che si disponevano a semicircolo sulle aie e visto che queste aie Dio e l'uomo ( dovremmo dire:nonostante l'uomo)ce le hanno conservate intatte:vedi l'ariatonna, vedi l'aia della Fattoria Matano e vedi quella di San Ruosi-Ceraldi e . . .chi più ne ha più ne metta, si potrebbe, come una volta, fare il giro delle aie delle varie frazioni, aie che fortunatamente sono lontane dalla munnezza. Con il bene-placito dei proprietari e . ..di Giove Pluvio! Se venisse rinviata non avrebbe più lo stesso sapore.La chicca dell'anno è l'interpretazione del mese di Agosto da parte del parroco del paese, Don Paolo Marotta ("I’ so’ Austu e tu si la malatia, ru miericu t’ha urdenatu la supposta. L’aggiu strutta ‘na spezziarìa, pe’ l’ubberienza de la facci toia. E pe’ dispiettu de Don Peppinu, me mangiu ‘na jaglina ogni matina. E pe’ dispiettu de Donn’Andrea me mangiu la jaglina e m’addecreu").Sono già noti alcuni degli altri  protagonisti:

Giovanni Fiorillo  originario di San Ruosi ed ora meccanico a Casale interpreterà Pulcinella ("Zi’ capurasimu miu, tu hai raggione, ma… nui vulimmu ‘nu pocu pazziane. Pazziammu prima e doppu carnevale, tagliaria ru cuogliu a Pàtitu carnale")mentre Antonello Rossi da San Donato,sarà Capodanno ("I’ so’ Capurannu e so’ capu dell’annu, capu dell’annu che stu iuornu aspetto. A casa mia c’e r’ammitu tutti, chiunque vo’ favorì farò l’offerta. Tu Pulcinella, che sarai il mio seguace, conta stì dodici mesi della stagione; se stì dodici mesi nun s’apportono bbene, casticar ti voglio cu’ stu mio bastone")altri Sandonatesi DOC:Angelo Fava sarà Gennaio("I’ so’ Gennaio e so’ prim’entratura; nemmicu songu de ri pecorari. A ccaccia uocci cu’ ri putaturi, nessuno giorno li farò putare. Castigherò tutti gli bestemmiatori, chi lo bestemmia lu mese di Gennaio. E a chi lo bestemmia io con l’uscio, lI’ so’ Frebbariegliu curtu curtu, la uerra vogliu fa vintottu giorni. Vogliu afferrà stè donne cu stà frusta, girare ce le voglio intorno, intorno.Vogliu preà ru mese d’Austu, che acqua ne facesse nulla al giorno. Sinnò ru giardinu miu ce piglia secca e io ci batterò cu’ la mia zeppa"),Roberto Rotunno sarà Marzo("I’ so’ Marzo cu’ la mia zappetta, a pane e puorru facciu lu riunu. Ogni villanu che stu mese aspetta, pe li iettà li sacchi e pellecciuni.Nun ve firate de la mia fermezza, i’ facciu ri mutivi de la luna. Ora ve facciu ricchi e ora poveri, ora ve facciu ’nfusi e ora asciutti."), Giuseppe Matano interpreterà Maggio("I’ so’ Maggio e so’ maggior di tutti, maggior di tutti questi altri mesi. D’oro e argento ne guarnisco tutti, chiunque vuol favorir farò l’offerta.Aggiu purtatu suoni, chitarra e strumenti, pe’ ffa sta’ a voi signori allegramente. I’ me ne parto cu’ le bbone spese, e i fiori lascio alli altri mesi e voglio mannà acqua vientu e fruscio."), Luca Iacovone sarà Luglio (" I’ so’ Luglio cu’ ru carru ruttu, ru carru l’aggiu ruttu a la maésa. Ru carru miu è ru carru condotto, ce pozzu i’ cantennu a la carrésa. Tengu ‘na regna céna de buon frutto, trecientu tommule ne facciù ‘na metà. Ce vogliu scugnà mo ch’è tiempu asciuttu, ca si ce ciove ce perdu le spese"),Amedeo Zampi sarà Settembre ("I’ so’ Settembre cu’ la ficu moscia, e l’uva muscarella se fernisce. Si qualche donna avesse la paposcia, venga a la casa mia, ce la guariscu. Si qualche vote ce su iutu a l’usciu, pe’ manià per coche i’ me l’allisciu. Vulesse da’ ‘na voce a stì caiuotuli, ca le percoche meie so’ a quattu a rruotuli"),Mattia Martullo sarà Novembre(" I’ so’ Novembre e so’ semmentatore, semmenà ce la vogliu stà sementa. Nun c’è bisognu de ‘nu lavoratore, ‘natu che me mantene stà sementa. La vogliu semmenà de bbona stagione, pe’ ffa’ sta’ voi signori allegramente. Nun la semmenu pe’ mme ma… per gli aucielli, ma… la semmenu pe’ stè nenne bbelle"),Carmine Chianese sarà Ottobre(" I’ so’ Ottobre cu’ ri begli frutti, ri frutti miei sono i più sovrani. Di uva fresca ne sazio tutti, ne saziu ru riccu e ru villanu. De vinu ne vogliu fa’, trecientu botti, pe’ ffa schiattà tedeschi e americani. Dopo ci caccerò il mio condotto, pe’ ffa’ schiattà mierici e speziali") e Bruno Di Guida sarà Dicembre(" I’ so’ Dicembre e so’ l’urdimo ‘n tuttu, la sculatura de chist’auti misi. Me vogliu i’ affaccennu pe’ tutte cheste botti, si ce sta vinu pe’ chistmisi ’auti. Tengu ‘na respenza céna de buon fruttu, de chigliu puorcu che m’aggiu accisu auannu. Tengu ‘na ‘otta de vinu ventriscu, tengu ‘na bella nénna a liettu friscu").Da San Ruosi:Gianluca Farina  interpreterà Aprile(" I’ so’ Aprile cu’ la l’apa sperza, fiorisce terra e arberi dalla gnura. Ogni uccello fa il suo versetto, fioriscono montagne e con valluni.Ru speziale cu’ la sua ricetta, pe’ manià patacche e ducatuni. I’ so’ Aprile e so’ un bel giovinetta, e a Maggio dono questo ramaglietto"), Gino Cardone sarà Giugno ("  I’ so’ Giugno cu’ la mia sarreccia, tannu ce mètu quanno sto ‘ncicercia. Si ‘mmani ce l’avesse chella Veccia, ri tagliaria ru cuogliu cu’ stà sarreccia. Tengu nu pignatu cinu de bbona menesta, cu’ ‘nu cucciare pe’ dintu sempe spellecciu. Doppu mangiatu stà bbona menesta, me facciu ‘na bevuta a sta verrèccia").Non sono ancora noti gli interpreti del pescivendolo, di Febbraio,il "curtulillo",  tanti anni fà magistralmente reso dal compianto Giuseppe Tirolese (a proposito di Tirolo: la cantata dei mesi viene rappresentata anche a Tesero in provincia di Bolzano), nonchè del cosiddetto "mese annascuso"( "I’ so’ ru mese che steva annascusu, v’aggiu purtata la pianta de la rosa. E a questa rosa io le chiedo scusa, che quando sarà fiorita io me la sposo. Mo che ce su venutu tuttu ‘nfusu, a voi signori vi chiedo qualche cosa. Facciu ru trasi e iesci da ru pertusu, pe’ l’arracquà la pianta della rosa")

Capurannu I’ so’ Capurannu e so’ capu dell’annu, capu dell’annu che stu iuornu aspetto. A casa mia c’e r’ammitu tutti, chiunque vo’ favorì farò l’offerta. Tu Pulcinella, che sarai il mio seguace, conta stì dodici mesi della stagione; se stì dodici mesi nun s’apportono bbene, casticar ti voglio cu’ stu mio bastone.

Pulcinella Zi’ capurasimu miu, tu hai raggione, ma… nui vulimmu ‘nu pocu pazziane. Pazziammu prima e doppu carnevale, tagliaria ru cuogliu a Pàtitu carnale.

Capurannu Tu Pulcinella, che malanno dici? Te l’ho portata intera la stagione. Tu, guarda Aprile con i fiori in mano; farò cantare il mese di Gennai
Gennaio
I’ so’ Gennaio e so’ prim’entratura; nemmicu songu de ri pecorari. A ccaccia uocci cu’ ri putaturi, nessuno giorno li farò putare. 
Casticherò tutti gli bestemmiatori, chi lo bestemmia lu mese di Gennaio. E a chi lo bestemmia io con l’uscio, lI’ so’ Frebbariegliu curtu curtu, la uerra vogliu fa vintottu giorni. Vogliu afferrà stè donne cu stà frusta, girare ce le voglio intorno, intorno.
Vogliu preà ru mese d’Austu, che acqua ne facesse nulla al giorno. Sinnò ru giardinu miu ce piglia secca e io ci batterò cu’ la mia zeppa.
Marzo

I’ so’ Marzo cu’ la mia zappetta, a pane e puorru facciu lu riunu. Ogni villanu che stu mese aspetta, pe li iettà li sacchi e pellecciuni. 
Nun ve firate de la mia fermezza, i’ facciu ri mutivi de la luna. Ora ve facciu ricchi e ora poveri, ora ve facciu ’nfusi e ora asciutti.

Aprile

I’ so’ Aprile cu’ la l’apa sperza, fiorisce terra e arberi dalla gnura. Ogni uccello fa il suo versetto, fioriscono montagne e con valluni.Ru speziale cu’ la sua ricetta, pe’ manià patacche e ducatuni. I’ so’ Aprile e so’ un bel giovinetta, e a Maggio dono questo ramaglietto.

Maggio
I’ so’ Maggio e so’ maggior di tutti, maggior di tutti questi altri mesi. D’oro e argento ne guarnisco tutti, chiunque vuol favorir farò l’offerta.Aggiu purtatu suoni, chitarra e strumenti, pe’ ffa sta’ a voi signori allegramente. I’ me ne parto cu’ le bbone spese, e i fiori lascio alli altri mesi e voglio mannà acqua vientu e fruscio.
Giugno

I’ so’ Giugno cu’ la mia sarreccia, tannu ce mètu quanno sto ‘ncicercia. Si ‘mmani ce l’avesse chella Veccia, ri tagliaria ru cuogliu cu’ stà sarreccia. Tengu nu pignatu cinu de bbona menesta, cu’ ‘nu cucciare pe’ dintu sempe spellecciu. Doppu mangiatu stà bbona menesta, me facciu ‘na bevuta a sta verrèccia.

Luglio

I’ so’ Luglio cu’ ru carru ruttu, ru carru l’aggiu ruttu a la maésa. Ru carru miu è ru carru condotto, ce pozzu i’ cantennu a la carrésa. Tengu ‘na regna céna de buon frutto, trecientu tommule ne facciù ‘na metà. Ce vogliu scugnà mo ch’è tiempu asciuttu, ca si ce ciove ce perdu le spese.

Agosto
I’ so’ Austu e tu si la malatia, ru miericu t’ha urdenatu la supposta. L’aggiu strutta ‘na spezziarìa, pe’ l’ubberienza de la facci toia. E pe’ dispiettu de Don Peppinu, me mangiu ‘na jaglina ogni matina. E pe’ dispiettu de Donn’Andrea me mangiu la jaglina e m’addecreu.
Settembre

I’ so’ Settembre cu’ la ficu moscia, e l’uva muscarella se fernisce. Si qualche donna avesse la paposcia, venga a la casa mia, ce la guariscu. Si qualche vote ce su iutu a l’usciu, pe’ manià per coche i’ me l’allisciu. Vulesse da’ ‘na voce a stì caiuotuli, ca le percoche meie so’ a quattu a rruotuli.

Ottobre

I’ so’ Ottobre cu’ ri begli frutti, ri frutti miei sono i più sovrani. Di uva fresca ne sazio tutti, ne saziu ru riccu e ru villanu. De vinu ne vogliu fa’, trecientu botti, pe’ ffa schiattà tedeschi e americani. Dopo ci caccerò il mio condotto, pe’ ffa’ schiattà mierici e speziali.

Novembre

I’ so’ Novembre e so’ semmentatore, semmenà ce la vogliu stà sementa. Nun c’è bisognu de ‘nu lavoratore, ‘natu che me mantene stà sementa. La vogliu semmenà de bbona stagione, pe’ ffa’ sta’ voi signori allegramente. Nun la semmenu pe’ mme ma… per gli aucielli, ma… la semmenu pe’ stè nenne bbelle.

Dicembre

I’ so’ Dicembre e so’ l’urdimo ‘n tuttu, la sculatura de chist’auti misi. Me vogliu i’ affaccennu pe’ tutte cheste botti, si ce sta vinu pe’ chistmisi ’auti. Tengu ‘na respenza céna de buon fruttu, de chigliu puorcu che m’aggiu accisu auannu. Tengu ‘na ‘otta de vinu ventriscu, tengu ‘na bella nénna a liettu friscu.

Ru mese annascuso

I’ so’ ru mese che steva annascusu, v’aggiu purtata la pianta de la rosa. E a questa rosa io le chiedo scusa, che quando sarà fiorita io me la sposo. Mo che ce su venutu tuttu ‘nfusu, a voi signori vi chiedo qualche cosa. Facciu ru trasi e iesci da ru pertusu, pe’ l’arracquà la pianta della rosa.

LA RAPPRESENTAZIONE DEI MESI di Roberto Lorenzetti da www.sabina.it

 La Rappresentazione dei Mesi di Contiguano 1900 c.a La Rappresentazionedei Mesi di Torricella Peligna 1881 Io so gennaio
stò accanto al fuoco
brillo l'arrosto
e faccio un bel gioco. I' so' gennaro che godo il sereno,
Che gelo l'acqua e induscio il ter- [reno.]
Fra gli àutri misci so lu chiù grosse,
Gelo l'acqua alli fiumi e alle fosse. Io sò febbraio godo il sereno
rompo li geli e la terra rimeno
non mi guardate se vado zoppo
fra l'altri mesi migliore mi porto, I' so' febbraro e sto 'ccanto al foche,
Vòto l'arruste e commerso co' [gioche;]
E commerso con chisti signori:
Tra gli àutri misci i 'so 'lu migliore. Io marzo so sventurato
e della carne non ho assaggiato. Marze, marze sbinturate!
Che de carne 'nn h'a 'saggiate:
Co' li broccoli s'è cibate;
Povere marze sbinturate! Io so aprile mese gentile
tutti gli alberi vedo fiorire
tutti gli uccelli li sento cantare
giovani e vecchi li fò rallegrare. I' so' abrile lu chiù gentile,
Tutti gli àrveri faccie fiorire.
E gli aucelli faccie cantare,
Giòvene e viecchie faccio allegrare. Io so maggio mese più bello
di rose e fiori ho guarnito il cappelloE i' so' magge e so lu chiù biélle,
Porto le rose a lu cappièlle;
Ce le porte, ca so 'nu guappone;
Fra gli àutri misci i' so' lu chiù [buone.]

Io so giugno mieto il grano
prima nei monti e poi vado nel piano
lo mieto con sudore
per far mangiare questi signori.

I' so' giugne che mete le grane,
Mete pe' valle, pe' monte e pe' piane,
'E lo mete tutte le semmane:
I' so' giugne che mete le grane. Io so luglio e falcio il fieno
e lo falcio con sudore
per far contenti questi signori. Tuti gli misci avete ludate
E de luglie ve sete scordate;
Porte le pale col fie furcone.
Pe' scamare i' so' lu chiù buone. Io so agosto correggio il fieno
prima nei monti e poi vado nel piano
con grande sudore
per far mangiare queste signore.I' so' aguste co' tanta mastrìa,
E cuntente chidunche se sia:
I' so' lu mese che facce furore,
Tra tutti gli àutri so' tu migliore. Io sono settembre mese cortese
a poveri e a ricchi faccio le spese
con grande sudore
per far mangiare queste signore. I' so' settiembre molte curtese,
Fine le fratte ve fanne le spese.
E tutte quante i' facce cuntente;
Nin dienghe pene, nin dienge tur [mente.] Io sono ottobre e riempio le botti
con grande sudore
per far ubriacare queste signore.
I' so' uttobre e despense semente
Prepare lu cibu a tutta la gente,
Tra gli àutri misci i' so' lu migliore.

Io so novembre mese calante
gonfio li fiumi e gonfio le piante.I' so' nuviembre co' luna mancante,
Porto la ronca e l'accetta pesante,
Pe' fa' le lene a chisti signore:
Tra gli àutri misci i' so' lu migliore.
Io so dicembre e stò accanto al fuoco
davanti me brucio e dietro me
[n'cenno]

I' so' deciembre che gele lu viente;
'Nanze me scallo e 'rreto me ['genne.]
Dienghe alla gente turmiente e [dulore:]
Tra tutti gli misci i' so' lu peggiore. Io so il padre di dodici figli
e tutti sono immortali
l'ho tenuti tra rose e gigli
sono padre di dodici figli.I' so' lu patre de dùdece figlie,
T tutti e dùdece so' murtali:
E tra le fose, caròfane e gigli,
I' so' lu patre de dùdece figli.

Questo documento è del 1177 ed è conservato presso la biblioteca universitaria di Bologna e pubblicato dal Frati è bene qui riportare il testo onde permettere un raffronto con quello della ballata dei dodici mesi di Contigliano.

Dixe Zenaro: io me stago del fuogho
Manzo e beuo, quel che me fa luogo,
Volgo lo spero e same bel ruogo
E stago adaxio a mo' de Signore.
Dixe Luglio: io fazo i meluni,
Bato lo formento cum grosi bastoni,
Fazome chuozere de buoni chaponi
Spogliomi in chamiza per grande
Dixe Febraro: io non arò ma' bene, [sudore]
L'acqua e la neue adosso me uene
Rompo la giaza cun gran pene,
De tuti li mixi io som lo pezore.
Dixe Agosto: io cunzo le botte,
Vago cercando quale eno più rotte,
Metole fuora di dì e de notte,
Perché el ne escha lo male sauore.
Dixe Marzo: io son sagurado,
Punto de charne ch'io non ò man-[zado,]
Tuto lo mio tempo ch'i'ò denunado,
De tuti li mixi io som lo migliore.
Dixe Septembre: io Coglio de li fighi,
E l'uva vendemo, strego le opte,
E manzo di boni chaponi
E beuo del mosto.
Dixe urile: ch'io ue so ben dire
Tute le albere ch'io fazo fiurire,
Cantare gli oxeli(ni) dal dolce dor-[mire,]
A zuuini e a vecchi ch'io aliegro lo [core,]
Dixe Octoure: e' spino lo vino.
Vago cercando quale è 'l più fino,
Vendo quelo ch'à rio sauore,
E per mi beuo lo mogliore.
Dixe Mazo: io son lo più bello,
Roxe e fiuri ch'io fazo fioriri de
[nouelo]
Cantare gli oxelini d'uno trapelo (sic)
De tuti li mixi io son lo più belo.
Dixe Novembre: io no me so lodare,
Coglio le ghiande (e le castagne)
[per i porci ingrassare]
E manzo de bone charne,
E beuo de uin dolce perchè non ne [fa male.]
Dixe Zugno: io sego lo grano,
De lo cerexe e' me inpo le mano,
Sego lo femo de suxo lo piano
E coglio l'agresto per farne sauore.
Dixe Dezembre: sono lo tale;
Fazo ghiazare omne canale,
Ucido i porci e metogli in sale,
Fazo sosicie d'one raxone.

Accetta Cookies

Tu hai accettato di salvare cookie sul dispositivo che stai utilizzando. Questa decisione può' essere cambiata

 

 

Sei qui: Prima Pagina - TURISMO - EVENTI E COSTUMI - CANTATA MESI . . .FORSE. . . E DOVE?