CARINOLA.NET

La Notizia e non solo!

Font Size

SCREEN

Cpanel

EVENTI E COSTUMI

FESTA DELLA VENDEMMIA 2010

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

PROF.MICHELE LEPOREla vendemmia in piazzetta porterà nuovamente alla memoria dei più

Il 25 e il 26 ritorna a Casale la Festa della vendemmia.

La manfestazione è nata dodici anni fa ma celebra un rito pagano antico quanto le vigne della nostra terra baciata dal sole.

Ad uno sguardo superficiale era rimasto ben poco a Casale della cultura della vite e del del vino alla vigilia della prima edizione.
.
Ricordo che alcuni degli organizzatori erano scettici perchè si chiedevano "ma che cosa daremo da bere alla gente che verrà? E cosa diremo a chi vorrà acquistare anche una sola bottiglia di vino?".
Infatti, la produzione locale era ridotta a poche vigne e  per uso esclusivamente privato e non c'era la possibilità materiale di offrire agli ospiti, come a Casale si è soliti fare, .un buon bicchiere di vino.

Ciononostante la festa si fece ugualmente ed ebbe un grande successo,  diventando in breve tempo il tradizionale appuntamento di fine estate del nostro comune.
Ma con la festa della vendemmia era nato anche un "modello di iniziativa culturale" che cozzava duramente con quello sviluppato dagli attori istituzionali del nostro comune, contrasto che ha poi avuto il suo epilogo con la pausa decisa lo scorso anno.
Una pausa di riflessione voluta forse anche per riprendere slancio.
La cosa importante è però, al di là delle polemiche che pure ci sono state, che quest'anno si riprenda l'appuntamento  e ciò nonostante i tagli sull'estate carinolese decisi dai commissari.
Ma questo è stato possibile proprio perchè la tanto osteggiata  "formula casalese" ha la sua forza trainante nelle radici sane del popolo di Casale e, pertanto, riesce ad autosostenersi anche con scarse risorse economiche a disposizione.
Nonostante la crisi non ci sarà però una festa della vendemmia "in veste ridotta" e basta leggere il programma per rendersene conto.
E così la vigna che è stata per molti strumento economico per l'attivazione dell'ascensore sociale ritornerà ad avere  l’attenzione che merita e la vendemmia in piazzetta porterà nuovamente alla memoria dei più vecchi i ricordi delle tante vendemmie viste e e dei tanti odori sapori scomparsi.

Concludo segnalando con piacere che c'è stato, negli ultimi dieci anni, un notevole incremento della produzione vitivinicola che quest'anno consentirà, ne sono sicuro, di proporre al meglio a  quanti interverranno gli odori e i profumi della nostra  terra che solo il vino riesce a sintetizzare in modo sublime.

Un grazie quindi va a Michele Lepore, al comitato organizzatore e "ai casalesi" che daranno come sempre con generosità il loro contributo per la buona riuscita dell’iniziativa.
Ma un grazie particolare va anche alla passione e alla fantasia di bravi imprenditori agricoli di Casale, e non solo che si sono impegnati negli ultimi anni per innalzare la qualità del vino prodotto impiantando nuovi vigneti e creando nuove e moderne aziende agricole.
Anche loro meritano una menzione speciale.
Cito per tutti alcuni viticoltori i cui vini, davvero pregiati, ho avuto occasione recentemente di provare: Bianchini e Rossetti, Fattorie Pagano, Fratelli Migliozzi, Trabucco, Anfora. Mi scuso con tutti quelli che colpevolmente ometto.

C'è da sperare però che la vigna ritorni presto ad avere l'importanza e il significato che ha avuto nel passato.

Infatti, penso da sempre che il sogno segreto di tutti i casalesi è quello di vivere esclusivamente curando la vigna come accadeva tanti anni fa. 

Ma forse questa è solo una delle  mie illusioni, che però amo ugualmente coltivare.

Accetta Cookies

Tu hai accettato di salvare cookie sul dispositivo che stai utilizzando. Questa decisione può' essere cambiata

 

 

Sei qui: Prima Pagina - TURISMO - EVENTI E COSTUMI - FESTA DELLA VENDEMMIA 2010