CARINOLA.NET

La Notizia e non solo!

Font Size

SCREEN

Cpanel

CALCIO NAPOLI

SI GUARDA AVANTI

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

giulio ceraldi1E' dura. Inutile nasconderselo. Dura da digerire come un macigno, questa sconfitta. Dura perché maturata in un modo assurdo. Quella deviazione sul tiro di Zaza del malcapitato Albiol. Una manciata di centimetri sufficiente a mandare a farfalle il nostro Reina.


E' dura perché da oggi in poi dovremo incominciare a fare i calcoli sugli altri. I calcoli sull'"altra".
E' superfluo ormai continuare ad ignorare il fatto che quella maledetta maglia bianconera è il nostro incubo, il nostro ammazza-sogni. A San Valentino ci risvegliamo col gusto amaro della realtà che ci sbatte dritta sul grugno a ricordarci che pure in una stagione che resta straordinaria come quella di quest'anno ci sono sempre loro. Quelle iene rognose che non mollano mai di un centimetro e che alla prima occasione, quando la preda inizia ad avere un barlume di speranza di averla sfangata, la azzannano per buttarla giù, per fermargli la corsa e finirla.
Ancora una volta (la quinta consecutiva, se non erro) quel catino, quel posto ostile si è trasformato in una amara cornice dove si lasciano i tre punti.
Ce l'hanno messa tutta per renderci il compito di uscire indenni da Torino il più difficile possibile. Anche le autorità si sono messe di traverso, con quella decisione assurda di vietare la trasferta ai tifosi azzurri. E nonostante questo siamo scesi in campo a testa alta, imponendo per lunghi tratti dell'incontro il nostro gioco, facendo capire all'avversario, fin dai primi minuti, che il Napoli non era venuto allo Juventus Stadium per fare la "vittima sacrificale".
Ma, a distanza di ore da quel maledetto triplice fischio, bisogna ammetterlo: juvemmerda, etc. però, porca miseria, non mollano mai. Mai.
Se c'è una lezione che dobbiamo imparare, se davvero vogliamo alzare trofei importanti nell'immediato futuro, è che dobbiamo continuare per la nostra strada, senza fermarci troppo a pensare e correre ostinatamente, coscienti della nostra forza, verso la vittoria. Una dopo l'altra, tredici finali tutte da vincere. Basterà per vincere il titolo? Forse no. Ma, comunque vada a finire, saremo fieri, sempre e comunque, di quanto una città, un intero popolo si identifica, anima e cuore, con questa squadra. Forse (e lo sottolineo) il Napoli più forte e senza dubbio il più bello di tutti i tempi.
#ForzaNapoliSempre

Giulio Ceraldi

Accetta Cookies

Tu hai accettato di salvare cookie sul dispositivo che stai utilizzando. Questa decisione può' essere cambiata

 

 

Sei qui: Prima Pagina - SPORT - CALCIO NAPOLI - SI GUARDA AVANTI