ImageE' lui il vero "Messia" del gol. Edinson Cavani da Salto, Uruguay.
Ormai non ci sono piu' aggettivi per definirlo.
E' alla decima rete stagionale in campionato, sempre piu' in vetta alla classifica dei cannonieri, in coabitazione con Toto' Di Natale (da Napoli).
Se Zamparini (presidente del Palermo e suo ex "datore di lavoro") dice di valutare Pastore ben 50 mln, beh...a me sovviene il ricordo di una frase divenuta celebre grazie alla pubblicita' di una famosa carta di credito e che calza a pennello per il Matador: non ha prezzo! Un autentico campione.
Anche ieri, nella ormai famosa "zona Napoli" (il recupero), ha tolto le castagne dal fuoco con una staffilata dal limite che s'e' insaccata a mezza altezza alla sinistra dell'incolpevole Rosati.
Eppure De Canio aveva studiato bene la partita, pur dovendo rinunciare a Di Michele, Giacomazzi e Munari. Una partita a difendere ma senza chiudersi e senza rinunciare a colpire in contropiede.
Azzurri sonnecchiosi nella prima frazione. Poche azioni degne di nota e poca incisivita'.
Unica nota di rilievo una botta di Zuniga respinta in angolo dal portiere salentino al minuto 37.
Ripresa piu' briosa ma Napoli che, col passare dei minuti, appare sempre piu' confuso nelle azioni d'attacco e Lecce che si affaccia pericolosamente dalle parti di De Sanctis con Piatti al 79' (bravo l'estremo difensore a soffiargli il pallone all'ultimo momento) e Corvia che, al 92', a portiere battuto appoggia in rete da distanza ravvicinata ma si vede respingere la palla sulla linea da un gigantesco Grava.
Prima, sempre nella ripresa, c'erano state tre chiare occasioni da gol per gli azzurri con Hamsik e Sosa.
Proprio sulla respinta di Grava sulla linea s'avviava l'azione che avrebbe portato al gol dell'ennesimo tripudio partenopeo.
Non c'era modo migliore di chiudere questo 2010 ed augurare ai tifosi del San Paolo un felice Natale. E il Napoli delle meraviglie, che ti tiene incollato alla partita (non importa se sei allo stadio, in poltrona davanti alla tv o in macchina ad ascoltare la radio) fino all'ultimo secondo, lo ha fatto: ha augurato un buon Natale con una stella filante insaccatasi nel sacco dei regali dei tifosi buoni. Quelli che tifano Napoli!
AUGURI!!!


Percorso

Accetta Cookies

Tu hai accettato di salvare cookie sul dispositivo che stai utilizzando. Questa decisione può' essere cambiata