Mattinata movimentata per gli agenti del Commissariato di Sessa Aurunca diretti dal Vice Questore Aggiunto dott. Mario Russo. Gli agenti, dopo alcuni servizi di

polizia2osservazione di uno stabile fatiscente sito in Teano località S. Antonio, ove venivano segnalati “strani movimenti”, si sono imbattuti in un opificio per la fabbricazione e la trasformazione di capelli umani in parrucche e materiale per la tecnica tricologica dell’extension.

L’opificio era organizzato in un seminterrato di questo stabile e si presentava agli occhi degli agenti con connotati alquanto raccapriccianti: erano presenti in ogni angolo della stanza ingenti quantità di capelli umani, conservati in modo approssimativo e in violazione delle elementari regole igienico sanitarie.

Alla luce di questo scenario, gli agenti facevano convenire sul posto UOPC-Distretto di Teano dell’ASL di Caserta, e la Polizia Locale del Comune di Teano.

Entrambe le istituzioni rilevavano violazioni Amministrative, e in particolare l’ASL di Caserta segnalava alla locale Autorità Sanitaria, il Sindaco di Teano, anomalie igienico-sanitarie riscontrato all’esito del controllo.

Il locale veniva poi chiuso, subordinando la sua prossima riapertura al ripristino della regolarità amministrativa e igienico-sanitaria di tutta l’attività ad opera dei titolari dell’impresa: un cittadino algerino naturalizzato in Italia, e sua moglie, cittadina italiana.

Percorso

Abbiamo 452 visitatori e nessun utente online

 

GDPR e EU e-Privacy

EVENTI

telethon.jpg