E' stato un evento-conferenza stampa davvero senza precedenti quello consumatosi stamane nella splendida cornice della perla d'arte catalana del nostro comune, Palazzo Novelli  sull'accordo tra la Direzione della Casa di Reclusione di Carinola "G. B. Novelli"

per l'Amministrazione Penitenziaria rappresentata appunto dal Direttore dott.ssa Carmela Campi e la Direzione della Reggia di Caserta rappresentata da Mauro Felicori.

Il de micco luciatema della Conferenza era:

"Il lavoro straordinario e gratuito di utilità sociale sul territorio da parte dei detenuti. . .diversamente reclusi."

Il comunicato stampa della dott.ssa Campi, direttore della Casa di Reclusione è stato più che esauriente sul progetto che vede "il  detenuto inserirsi-come afferla la dott.ssa Campi-in un contesto (in un circolo virtuoso) di educazione e rispetto delle regole sociali;di impegno positivo e costruttivo a favore della Comunità".

A noi piace aggiungere qualcosa, parte pubblicodi quanto riportato nel video che vi proponiamo:Cominciamo con il breve saluto della parlamentare Camilla Sgambato che è stata invitata a parlare dalla dott.ssa Campi che che le ha riconosciuto "un ruolo fondamentale sul territorio" mentre la deputata chiedeva di poter anticipare il suo intervento dovendosi portare a Roma dove si votava la legge sui piccoli comuni."anch'essa fondamentale per il rilancio delle aree interne"dice Sgambato che rivolta al Direttore della Reggia Mauro Felicori ha detto "Non è mia abitudine scappare dai convegni.

Sono felice di essere qui perchè questo progetto migliozzi russocome diceva la presidente Antonella Migliozzi è di grandissima visione umanitaria ed è in linea con la nostra costituzione con la funzione rieducativa della pena " Conclude facendo un plauso a queste belle iniziative e sottolineando che la direttrice Campi l'ha esortata a farsi promotrice in "tutti i comuni del territorio" perchè si creasse una vera e propria rete che portasse una sorta di interazione col territorio "interazione che non farebbe bene solo ai detenuti ma anche al territorio".

Subito dopo l'intervento abbiamo intervistato in esclusiva la deputata Camilla Sgambato che oltre a dichiararci il suo punto di vista sul convegno ci ha anche detto qualche parola sulla "diatriba PD a Carinola", l'assessore Antimo Marrese ed il Presidente del Consiglio comunale Antonella Migliozzi , suoi evidenti amici ma fuori de PD. Appena terminata parterrel'intervista è arrivato anche Franco Di Biasio.

E' stata poi la volta del  Provveditore vicario dell’Amministrazione Penitenziaria della Campania, Francesco Saverio De Martino che ha preso la parola immediatamente dopo l'on. Sgambato.

Il provveditore  ha ringraziato i magistrati e le altre personalità presenti nell'uditorio ed ha parlato di "tipo di mobilitazione che occorre per risolvere il problema della devianza senza inutili inasprimenti di pene.Concludo con l'auspicio che il proliferare di iniziative come quella di oggi possa indurre il legislatore ad occuparsi più incisivamente della materia infatti se è vero che a livello comunitario troviamo la raccomandazione del consiglio d'Europa 9919 la risoluzione ONU 12 del 2002 la decisione quadro 2011/220 giustizia affari interni vincolante anche per l'Italia , la mediazione penale resta sempre ai margini del nostro ordinamento eccezion fatta per l'art. 29 del decreto legislativo 274/2000 sui reati di competenza del Giudice di Pace- Mediazione  e in campo penitenziario l'art.11 della legge 663 del 86 nella parte cui dice che l'affidato deve adoperarsi in favore della vittima del reato e art. 27 regolamento di esecuzione:l'osservazione della personalità deve implicare anche una riflessione sulle possibili azioni riparative. Ringrazio tutti i presenti ma in particolare mi ha preso molto lintervento del "partner privilegiato, il responsabile della Reggia di Caserta perchè credo che il suo intervento vada assunto come spot ,fatto circolare, per quello che dovrebbe essere l'atteggiamento della comunità esterna, di tutte le istituzioni rispetto alla soluzione di quello che è un problema condiviso:il problema carceri che non può evidentemente fare carico soltanto all'amministrazione penitenziaria. Il problema carceri, il problema della devianza è un poblema di tutti, per cui per uscirne realmente l'atteggiamento è proprio quello che si evince dalla iniziativa come quella di oggi, l'atteggiamento è quello che è stato sinteticamente ma molto efficacemente esposto dall'amico Mauro Felicori".

E' stata poi la volta del Notaio Provitera il quale ha sottolineato come la dott.ssa Campi ha voluto fortemente questo progetto ma ha anche voluto far presente che lo ha voluto anche un altro dirigente della Reggia di Caserta, che non era presente, Leonardo Ancona.

Subito dopo sono arrivati anche i ringraziamenti della Direttrice Campi allo stesso funzionario Leonardo Ancona incaricato al progetto da Felicori ma ha anche ringraziato un altro assente , "ma qui c'è il cappellano dell'Istituto penitenziario don Valentino, un altro grazie al Vescovo di Sessa S.E.Orazio Francesco Piazza che con la sua verve, con la sua spiritualità sta agendo da grande collante per questo territorio, e un saluto affettuoso ai due  Magistrati di Sorveglianza di Santa Maria Capua Vetere, Lucia De Micco e Marco Puglia." Sono stati questi  ultimi a prendere la parola subito dopo. Veramente un evento straordinario.

Percorso

Abbiamo 266 visitatori e nessun utente online

 

GDPR e EU e-Privacy