L’AMBC nella sua incessante azione politica continua ad alternare interventi di proposta e di critica costruttiva con informazioni utili. Oggi comunichiamo 3 opportunità e diamo 1 informazione di servizio”. La prima

opportunità. Ancora un concorso che ha per tema la lotta al bullismo, un progetto di sensibilizzazione per un uso consapevole delle nuove tecnologie e contro il cyberbullismo dedicato ai giovani della “Generazione Zero”, alle loro famiglie, agli insegnanti ed agli operatori del sociale. Per info: www.zerobullismo.it; https://zerobullismo.com/concorso/.

La seconda. Il Ministero delle politiche agricole ha pubblicato l’avviso nazionale per l’accesso ai finanziamenti dell’Ocm promozione vino. Per le imprese che intendono effettuare campagne promozionali sui mercati di sbocco extra Ue il termine di presentazione dei programmi, a valere sul plafond nazionale, è stato prorogato al 15 luglio 2019. Ci saranno poi gli avvisi delle regioni, le quali potranno eventualmente ridurre i parametri di accesso alla misura (giacenza fisica di vino imbottigliato al 31 luglio 2018 e quota minima di finanziamento per Paese/Area omogenea da parte di ciascun partecipante), ma non le soglie di accesso ai finanziamenti che restano fissate al cinque per cento del fatturato globale per le medie e grandi imprese e al dieci per cento del fatturato globale per quelle micro e piccole https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/14033.

La terza: è quasi in scadenza (17 o 19 giugno ) il Bando 2019 per progetti tradizionali relativi a LIFE, il programma europeo per l’ambiente e l’azione per il clima. I beneficiari di LIFE sono gli Enti pubblici e le organizzazioni private commerciali e non commerciali dell’UE (ONG comprese). Le risorse a disposizione ammontano a 224.960.000 euro: Sito Web ; Sito Web ; LIFE - Programma di lavoro 2018-2020 (file .pdf) . Come si vede, “oltre Santa Lucia c’è di più” e questo tanto di più dovrebbe convincere qualcuno a lasciar cadere il cappello che si ha in mano da un paio d’anni (ha ragione De Magistris- al quale pure non mancano tanti problemi nella sua Napoli- quando afferma: “Non li dà Vincenzo, non vengono dal suo portafoglio o dal suo bilancio, ma sono Ue e Stato che li danno alla Regione perché questa poi li distribuisca dopo concertazione. Sono soldi dovuti, semmai lui ne dà di meno, in ritardo, e senza concertare) ed organizzarsi con un’apposita struttura comunale per non perdere alcuna risorsa che lo Stato, la Regione e l’UE mettono a disposizione dei comuni, delle scuole, delle imprese, delle associazioni.

Una struttura in grado di monitorare tutti i bandi, di informare su di essi e di supportare l’ente locale e gli altri soggetti nella elaborazione di idee e progetti per parteciparvi.  E chiudiamo con l’“informazione di servizio”: come già anticipato in un precedente comunicato dell’AMBC,  i comuni avranno tempo fino al 1° luglio per decidere se aderire alla definizione agevolata delle ingiunzioni fiscale emesse dal 2000 al 2017.

Lo ricorda l'IFEL, la fondazione dell'ANCI, con una puntuale nota di approfondimento pubblicata sul sito della fondazione dei comuni unitamente agli schemi di delibera e di regolamento: https://www.fondazioneifel.it/ifelinforma-news/item/9748-la-nuova-definizione-agevolata-delle-ingiunzioni-di-pagamento-nel-dl-crescita. Si tratta della terza rottamazione delle ingiunzioni fiscali, introdotta dal Dl 34/2019 (decreto crescita), chiesta dall'ANCI con l'intento di ristabilire uniformità di trattamento con la rottamazione delle cartelle esattoriali.

 

 

 

Percorso

Accetta Cookies

Abbiamo 331 visitatori e nessun utente online

GDPR e EU e-Privacy