INFIORATA 2019

  • festa_maggio_concertino_vincitori.jpeg
  • festa_maggio_luminarie1.jpeg
  • infioorata19c.jpg
  • infiorata19.jpg
  • infiorata19a.jpg
  • infiorata19b.jpg
  • infiorata19d.jpg
  • infiorata19e.jpg
  • infiorata19f.jpg
  • infiorata19g.jpg
  • infiorata19h.jpg
  • infiorata19i.jpg
  • infiorata19l.jpg
  • infiorata19ljpg.jpg
  • infiorata19m.jpg
  • infiorata19n.jpg
  • infiorata19o.jpg
  • infiorata19p.jpg
  • infiorata19q.jpg
  • infiorata19r.jpg

Ci sono alcune gravi amnesie che colpiscono la “coppia politica” al comando pro tempore della città, una coppia che s’è scordata- per esempio- di dire almeno una parola sulla

pacifico sindaco1 cosiddetta “autonomia differenziata” (sulla quale l’AMBC ritornerà a breve). Vediamo alcune di queste dimenticanze.  Prima smemoratezza. Siamo in piena Settimana dell’Amministrazione Aperta (11/17 Marzo) e in tutt’Italia, ha sottolineato Gianni Pagliaro portavoce dell’AMBC, si stanno svolgendo centinaia di eventi di amministrazioni che presentano iniziative e progetti per cercare di rendere procedimenti e decisioni più trasparenti e aperti alla partecipazione dei cittadini.

Qualcosa si è organizzato anche nella vicina Castel Volturno http://open.gov.it/saa/, mentre a Mondragone -come accade spesso- anche questo evento sta passando senza lasciar traccia. Ma, d’altra parte, cosa aspettarsi -ha chiosato Gianni Pagliaro- da una amministrazione come quella di Pacifico che arriva addirittura a negare l’accesso agli atti?

Un’amministrazione così chiusa, così poco trasparente, così scarsamente partecipativa, così autoreferenziale come quella di Pacifico si fa fatica a trovare in giro per il Paese.

Ormai si può definitivamente asserire, senza alcun timore di essere smentiti, che il programma di Pacifico presentato durante la campagna elettorale è stato scritto sulla sabbia.

L’“Amministrazione condivisa”, la proposta che l’AMBC aveva presentato a Pacifico e aveva inserito nel suo programma, continua infatti a restare “lettera morta”, nonostante appelli, richiami e solleciti rivolti al sindaco, al presidente del consiglio e a tutti i consiglieri.

L’AMBC è sempre più convinta che si può ben amministrare soltanto in maniera condivisa con i cittadini, coinvolgendoli attivamente nell’azione di governo della città.

Ma requisiti fondamentali per amministrare in modo condiviso sono la trasparenza, l’apertura del palazzo ai cittadini e la corretta e puntuale informazione. Esattamente ciò che non è e non fa l’amministrazione Pacifico.

Eppure, l’AMBC non dispera: prima o poi ci sarà un consigliere “illuminato” che, mutuando la nostra proposta, sentirà di dover presentare una mozione per cercare di dotare anche il nostro comune del Regolamento per l’Amministrazione Condivisa. Seconda dimenticanza. 

Lucia Fortini, l’assessore regionale all'Istruzione della  Campania ha sottoscritto e lanciato quale prima firmataria una petizione attraverso il sito Change.org per avanzare al Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Marco Bussetti tre richieste: il potenziamento degli organici per l’ampliamento delle sezioni a tempo pieno, il rafforzamento del personale docente per alcuni degli indirizzi più attrattivi come quello musicale e quello sportivo alla secondaria di primo grado e investimenti sull’edilizia scolastica che rendano gli edifici più sicuri.

Il Presidente della Regione Vincenzo De Luca ha portato anche questa petizione e i suoi contenuti all’attenzione del Ministero delle Autonomie, considerando la difesa della scuola, minacciata da inaccettabili differenziazioni regionali, elemento irrinunciabile e costituente dell’unità del Paese.

La lettera, che raccoglie le istanze di professori, dirigenti, operatori della Scuola, è aperta alla condivisione di tutti. E' possibile consultarla e sottoscriverla all'indirizzo web http://chng.it/VVC5PzTtCG

Ci domandiamo: come mai queste news, queste iniziative vengono “bucate” da quei consiglieri regionali del nostro territorio così solerti a muoversi tra prebende e spartizioni? Terza amnesia.

Ha destato grande attenzione l’appello dell’AMBC affinché l’amministrazione comunale si attivi per cercare di agevolare la restituzione alla famiglia e alla città dei resti di Antonio Nugnes, vittima innocente della camorra, trucidato mentre rivestiva la carica di vicesindaco.

Finora però, ha continuato Gianni Pagliaro, nessuna reazione da parte della politica locale. Siamo ad una dimenticanza ultradecennale! Fra poco sarà il 21 Marzo, la Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie che Libera di don Ciotti celebra ogni anno a partire dal 1996 (dal 1° marzo 2017, con voto unanime alla Camera dei Deputati, il 21 marzo quale “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie” è stata istituita per legge) http://vivi.libera.it/it-21marzo.

E’ troppo auspicare che Pacifico aderisca alla Giornata della Memoria e proprio in quella circostanza comunichi ciò che potrà fare per la memoria di Antonio Nugnes e per la restituzione del suo corpo alla famiglia e alla città?

E, per finire, l’AMBC vi invita a sostenere la campagna a favore di Radio Radicale sottoscrivendo questa petizione per salvare il diritto di "conoscere per deliberare". In pochi giorni la petizione ha raccolto un molti sostegni e sta per superare le 15.000 firme.

Percorso

Accetta Cookies

Abbiamo 375 visitatori e nessun utente online

GDPR e EU e-Privacy