INFIORATA 2019

  • festa_maggio_concertino_vincitori.jpeg
  • festa_maggio_luminarie1.jpeg
  • infioorata19c.jpg
  • infiorata19.jpg
  • infiorata19a.jpg
  • infiorata19b.jpg
  • infiorata19d.jpg
  • infiorata19e.jpg
  • infiorata19f.jpg
  • infiorata19g.jpg
  • infiorata19h.jpg
  • infiorata19i.jpg
  • infiorata19l.jpg
  • infiorata19ljpg.jpg
  • infiorata19m.jpg
  • infiorata19n.jpg
  • infiorata19o.jpg
  • infiorata19p.jpg
  • infiorata19q.jpg
  • infiorata19r.jpg

freddinoigor1La notizia che per ora è rinviato l'arrivo dei migranti, a causa della inagibilità della struttura ospitante, trova sollievo nella minoranza che da subito aveva posto come uno dei punti fermi di questa vicenda il controllo della struttura per la

sicurezza degli stessi migranti che, a ragion di logica, dovranno essere accolti in situazione consona alle normative”. Il gruppo “Falciano Futura”, con i suoi consiglieri Corrado Freddino ed Igor Prata, precisano “La minoranza non ha votato la mozione presentata dall’Amministrazione comunale perchè irricevibile per motivi populisti e ingannevoli. Infatti, sebbene la parte conclusiva del testo conteneva alcune delle proposte della minoranza (controllo struttura, competenza della cooperativa e delle figure professionali, giusta conoscenza del territorio, ecc. ) essa risultava ingannevole nelle sue premesse, così come ingannevole, verso i falcianesi, è stato indire una raccolta firme a sostegno di tale mozione. In primo luogo la raccolta firme non potrà sortire alcun effetto dato che il bando della Prefettura prevedeva la scelta della struttura tra quelle messe a disposizione in via preliminare da privati e quindi nulla può la Prefettura nello spostare in altro stabile l'accoglienza, cosa che tra l’altro spetterebbe alla cooperativa e non alla stessa Prefettura. Si precisa anche la natura razzista di tale richiesta, in quanto sostenere che sia pericoloso accogliere degli esseri umani a pochi metri dall’Ufficio Postale o dalla villa comunale è inaccettabile, visto che i migranti che verranno non sono dei pericolosi criminali bensì gente disperata e sfortunata che scappa da destini crudeli e da guerre. Ma l'inganno dell’Amministrazione sta anche nel fomentare la cittadinanza contro il numero dei migranti da accogliere, quando invece la vicenda della inadeguatezza della struttura dimostra come il numero di migranti da ospitare deve essere idoneo in relazione alla struttura ospitante e non agli abitanti del paese. Circola infatti in queste ore la notizia che il numero dei migranti, dopo il sopralluogo degli organi preposti, sarà probabilmente ridotto da 30 a 24 unità per permettere la giusta accoglienza nello stabile interessato.
Inoltre si è  dimostrato con la vicenda del sopralluogo, sollecitato a nome della minoranza dal consigliere Freddino presso l’Utc del Comune, che si è poi attivato e che ha indotto la Prefettura a bloccare temporaneamente l'approdo dei migranti, che il comune ha poteri per garantire l’idonea procedura a tutela di tutte le parti in causa. Ci chiediamo allora: perché l’Amministrazione non ha agito prima? Forse non si aspettava una simile reazione della popolazione e preferiva inizialmente curare gli interessi dei privati?
Infine questo agire populista dell’Amministrazione è dai noi condannato perché indire una raccolta firma su una simile tematica, giocando sulla paura delle persone, è un gioco sporco e meschino che ha come unico fine la ricerca del voto e non il vero interessarsi alla tematica”.


Percorso

Accetta Cookies

Abbiamo 501 visitatori e nessun utente online

GDPR e EU e-Privacy