Avviato con garbo ma dopo un incredibile crescendo è finito davvero per incantare tutti "Neapolis", lo spettacolo organizzato dalle quattro insegnanti, Antonietta Cardone, Vincenza De Biase, Angela Fabozzi e Maddalena Sorreca, delle quinte della primaria del plesso di Casanova

quinte1di Carinola con l'ausilio musicale e non solo di Luigi Apicerni.

Il testo base era quello di Oreste De Santis ma quello che sono riusciti a fare questi magnifici cinque è davvero fantastico e credo che gli applausi dei numerosi presenti, per lo più mamme, papà e nonni degli attori-cantanti in erba, siano stati sinceri oltrechè meritati sia dalle registe che dagli attori oltrechè dal factotum Luigi Apicerni.

Non c'erano politici, nè assessori e neppure consiglieri tranne Giusy Tuozzi che aveva una nipotina attrice.

Non c'erano neppure le massime cariche dell'Istituto Comprensivo, c'era però l'insegnante fiduciaria Katia Corea che è rimasta per tutta la durata dell'evento rimanendo, credo estasiata anche lei . apicerniChiaro che lo spettacolo doveva insegnare ai ragazzi e rendere lieti gli spettatori .

Abbiamo realizzato un video cogliendo come un'ape  quello che abbiamoo ritenuto più dolce di questi splendidi boccioli per poi passarli a voi!

Vorrei cominciare dal fondo dello spettacolo, dall'emozione dell'Inno di Mameli cantato dai ragazzi per poi passare alla scena bellissima dell'incontro di Teano tra un Garibaldi-piccolo Ceraldi in camicia rossa con un Vittorio Emanuele quinte pubblico1II-Reccolani che se le dicono come meglio non avrebbero potuto e senza perdere una battuta che è una e così tutte le scene che le hanno precedute come quella del ristoratore-Formicola che , nonostante l'infortunio capitatogli stamane ha voluto recitare lo stesso e con il braccio al collo e riesce anche ad affrontare i cattivi che ripetono in coro quello che dice il loro boss  per poi arrivare, dopo essere transitati per la dominazione spagnola, piano piano ai colloqui iniziali della Napoli fondata quinte4dai Greci. 

Insomma una vera e propria opera d'arte  che fa venire la rabbia quando si pensa a quello che le istituzioni danno alla scuola, quelle di pertinenza della provincia rischiano di chiudere, queste non riescono ad avere neppure la presenza ma, a quanto pare, vanno avanti benissimo ed è veramente uno spot straordinario per la scuola pubblica !

A noi non resta che complimentarci con queste iinsegnanti ma anche con i genitori dei ragazzi che hanno fatto questa scelta! Ecco il video:

Percorso

CHI E' ONLINE

Abbiamo 120 visitatori e nessun utente online

 

 

Statistiche Sito

Utenti
68
Articoli
6859
Visite agli articoli
10652908

GDPR e EU e-Privacy