ImageImageImageImageImageImageAncora una volta ha perduto un'occasione chi ha preferito il calduccio di casa sua ed ha rinunciato alla consueta scalata della collina di San Paolo a Casale. Pioveva, è vero, la strada era come al solito una striscia di fango dalla via per Cascano, tutti erano armati di ombrello in salita ed in discesa erano stracolmi di buste di salatielli che i ragazzi distribuivano dall'interno di un furgone generosamente. Nella cappella addobbata con fiori bianchi ed in trepida attesa del Santo molti erano fermi a pregare! Vino a fiumi per chi aveva acquistato la piccola brocca di creta commemorativa da Petuccio aiutato da Antimuccio e simpaticamente da Ciccio! Poi tutto inzaccherato per il fango che la faceva da padrone anche sulla collina mi dirigo alla masseria Venezia di Don Franchino Bianchini che col nipote ROSSETTI ha sfoderato quest'anno un FALERNO giovane e tosto che abbinato alla zuppa di ceci preparata negli storici pignati con maestria culinaria da grande chef ed una guardia al fuoco durata diverse ore da parte  di  Salvatore il fabbro ed il  "pittore di nome Armando", come quello della Tosca, che nato a Cascano è stato ormai adottato a Casale! Incontro qui un tal Paonessa che , Casalese purosangue, mi invita a POGNO vicino NOVARA, dove ora ci sono metri di neve e dove vive da decenni anche  il cognato, Lisandro COREA, altro casalese purosangue che molti decenni orsono faceva l'operatore cinematografico nel cinema del mio povero papà e che ricordo per aver inghiottito un chiodo di sette centimetri, se ben ricordo, asportatogli poi con una operazione chirurgica! Poi c'era Luigi Verrengia il giovane avvocato figlio d'arte, c'erano Salvatore e Vincenzo . . .

Image
Pasquale TAXI
Pasquale TAXI
Salatielli
Salatielli
Discesa dalla collina
Discesa dalla collina
ImageAurilio il farmacista,Mario DI GUIDA etanti giovani, tutti lì intorno al magico focolare che , secondo DonFranchino, risale al millecento (dopo tanti bicchieri, mi sorge ildubbio che si riferisse ad una vettura)! L'atmosfera è quella disempre, come ogni anno si incontra chi non vedi da tanto tempo, chiavresti voluto vedere e non avevi  ancora mai visto e sei felice diaver finalmente incontrato; il tutto condito da gustose pietanze benedette  da Falerno rosso! Poi, per finire, un pepatissimo soffrittodi maiale, riservato a chi resiste fino in fondo, chiedo al ROSSETTIquando sarà possibile riassaggiarlo e lui mi da appuntamento al seifebbraio giorno della riapertura della sua Locanda 1880 che è l'ottimolocale qui a Casale, attualmente chiuso, per vacanza del cuocofactotum,  in Thailandia, dice lui !

Percorso

Accetta Cookies