ImageLa situazione igienico ambientale del nostro Comune è allo stremo, ormai sono almeno cinquanta le montagne di rifiuti che campeggiano nelle grandi e piccole frazioni, la circonvallazione di Casale, che fra qualche giorno festeggia S.Paolo, le adicenze della villa di Nocelleto, Casanova dappetutto, a  Carinola lo stadio Comunale, il Tribunale, l'ingresso dell'Istituto delle Suore, Croce di Casale, S.Croce,Ventaroli, San Ruosi e San Donato, sono ormai, di fatto, delle vere e proprie discariche a cielo aperto e, purtroppo, non si è ancora deciso di individuare un sito di trasferenza lontano dai centri abitati che, allestito secondo i crismi e le norme dettate dal Commissariato, possa lenire sia pure temporaneamente il disagio creato alla popolazione da questa emergenza. Tutti sono bravi a trovare soluzioni in linea generale ma nessuno propone concretamente dove allestire il sito di trasferenza e l'unico dato certo è che nessuno vuole che si faccia nel proprio territorio, in scala ridottissima è un pò quello che accade nell'intera regione. Qualcuno attende il miracolo, qualche altro ha idee che non esitiamo a definire balzane. Primo: il nostro comune è composto da diverse frazioni, che in ordine decrescente vedono come popolazione Nocelleto al primo posto e Casale al secondo, questo nessuno potrà negarlo, bisogna quindi ritenere che anche l'immondizia prodotta, segua la stessa classifica, è pertanto comprensibile, ma per alcuni non condivisibile, che vi siano rimostranze allorchè qualcuno pensa di stipare rifiuti nelle immediate adiacenze di una frazione che in quella classifica viene dopo o in fondo.Una possibile soluzione? Non è peregrina l'ipotesi di  sito di trasferenza provvisorio per ciascuna frazione. Da alcuni giorni circola infatti la voce che ancora una volta sarebbe Selleccola e quindi la vecchia base NATO ad ospitare il sito di trasferenza e questa convinzione ha provocato nei cittadini di Casanova e nello stesso Vicesindaco  peraltro assessore alla ecologia  (che in occasione della visita del Commissariato, dell'ARPAC e dell'ASL a Selleccola del 20 Dicembre 2007 per opporvisi ha beccato un verbale dalla Questura-sanzione amministrativa che prevede fino a  € 4.000,00)

uno stato di allarme che ha portato i primi a presidiare la parte iniziale della strada che porta alla ex base Nato ed il secondo a presentare dimissioni, poi ritirate ( o no?) contribuendo tutto ciò ad accrescere la preoccupazione dei non addetti ai lavori. A mio modesto avviso quello della Selleccola, come base Nato e sue immediate adiacenze è un falso problema e, sotto certi aspetti, per l'Amministrazione è una vera e propria trappola o quanto meno un trabocchetto. Quanto alla parte della base già invasa dai rifiuti, essa è oggetto di un sequestro giudiziario per cui è fuori discussione e quanto alle sue adiacenze ricordo che solo poche settimane fà la Selleccola è stata visitata da tecnici del Commissariato di Governo per l'Emergenza rifiuti e dall'ARPAC che hanno escluso ogni possibilità di allocare le balle ex CDR da quelle parti in quanto il fenomeno del "ruscellamento" provocato dalla particolare conformazione del territorio avrebbe portato a valle il percolato, il maledetto liquame, e, se dovessimo allocarvi rifiuti, ovviamente porterebbe a valle non solo il percolato ma tutto il resto! Ancora voglio sottolineare che il sito di traferenza sia pure provvisorio prevede, prima di tutto, l'asseveramento dell'ARPAC, e sarà mai possibile che l'ARPAC a distanza di una o due settimane possa dare un parere diverso a seconda che in un posto vi si allocano Balle o Rifiuti indifferenziati! Infine desidero sottolineare che a parte le colture di pregio di vigneti e quant'altro, questo ingresso della strada che porta alla ex base NATO dista meno di un chilometro dalle prime abitazioni, come strada e pittosto tortuosa, quindi assai meno in linea d'aria, e poco più di un chilometro dal paese vero e proprio! Perchè è un trabocchetto: perchè credo che queste semplici considerazioni le abbiano fatte tutti e certo molti staranno protestando in perfetta buona fede, ma ci sarà pure qualcuno che ne vuole fare una speculazione politica, tanto per cambiare! Quindi scordiamoci Selleccola come possibile sito di stoccaggio o trasferenza e ricordiamocelo solo per bonificarlo. . .e subito, nel contempo chi deve individuare il sito pensi pure alla classifica di cui sopra e faccia e faccia presto! 

Percorso

Abbiamo 131 visitatori e nessun utente online