I dipendenti sono senza stipendio da circa 6 mesi, l’azienda risulta non in regola con il documento unico di regolarità contributiva (DURC), il Comune, invece di assumere una posizione autoritaria in difesa degli operai,

pulizie piazzaprovvedendo al pagamento dirette delle retribuzioni, affida il servizio in via di emergenza ad un altro soggetto, “per reiterazione della stessa inosservanza contrattuale”, nel completo e rigoroso rispetto dell’art.13 del Capitolato Speciale di Appalto.

La nostra perplessità, però, è dovuta al fatto che lo stesso C.S.A., all’art. 38, comma 4, prevede che, in caso di violazioni degli obblighi contributivi, retributivi, fiscali a proprio carico e/o nei confronti di dipendenti o collaboratori, da parte dell’Impresa, il contratto d’ appalto potrà essere risolto anticipatamente da parte del committente.

Insomma, il Capitolato Speciale di Appalto sembra venga osservato ad intermittenza, e pare che ognuno si prodighi per difendere i propri interessi, mentre a pagare sono sempre i lavoratori, la parte più debole.

Lo stallo in cui si trova il Comune di Carinola, per quanto ci riguarda, andrebbe superato risolvendo il contratto con la GoService, azienda colpita da interdittiva antimafia nel luglio del 2017, inadempiente sia per il mancato pagamento delle retribuzioni che dei contributi.

Questa, secondo noi, l’unica strada praticabile che consentirebbe ai lavoratori di percepire almeno gli stipendi correnti, evitando l’accumulo di ulteriori mensilità.

Purtroppo, però, sembra che nessuno abbia il coraggio di prendere una decisione netta, anzi addirittura sembra che il Comune abbia prorogato l’affidamento alla GoService, in attesa che la stessa ottenga il rateizzo di quanto dovuto all’INPS e all’INAIL, previsto per il 20 luglio p.v.

Una scelta, quella fatta dall’Amministrazione Comunale, che censuriamo perché espone ancor di più i lavoratori che, oltre ad essere scoperti sotto il profilo assicurativo, vedranno aggravare una condizione economica già drammatica, oltretutto, nel caso in cui l’azienda ottenga il rateizzo, resta da capire come farà la stessa a corrispondere retribuzioni e contributi ai lavoratori, praticamente un miracolo!

Di recente abbiamo inviato una richiesta di intervento alla Prefettura di Caserta per addivenire in tempi rapidi ad una risoluzione della tematica, per cui, nei prossimi giorni potrebbe smuoversi qualcosa, nel frattempo auspichiamo in un atto di buon senso da parte degli amministratori comunali affinché si giunga rapidamente ad un cambio di azienda e si restituisca dignità ai lavoratori.
Teverola 07/07/2018            F.L.A.I.C.A. UNITI C.U.B. CASERTA

ECCO LA LETTERA:Spett.le
Prefettura di Caserta
c.a. Ill.mo Prefetto Dott R. Ruberto
Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Go Service S.C.A.R.L.
Rif. Cantiere R.s.u. Carinola
Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Comune di Carinola
c.a. Sindaco Dott. A. Russo
c.a. Vicesindaco Dott. F. Giacca
Pec.: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pec.: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Oggetto: Cantiere Servizi Ambientali Comune di Carinola - Richiesta intervento URGENTE
La scrivente O.S. ritiene allarmante la condizione economica alla quale sono esposti i dipendenti impiegati nel cantiere dei Servizi Ambientali del Comune di Carinola.
Infatti i lavoratori non percepiscono lo stipendio da circa 6 mesi, il Comune non assume alcuna posizione favorevole alla risoluzione della problematica, l’azienda sembra che risulta non in regola con il documento unico di regolarità contributiva, per cui, non è in condizione di ricevere pagamenti dal committente.

Inoltre ultimamente il Comune incarica una seconda azienda per la raccolta dei rifiuti, la quale opera con personale proprio, poiché, le difficoltà strutturali della Go Service non consentono di garantire i servizi di raccolta in quanto il parco automezzi risulta inadeguato ed insufficiente.

Pertanto, considerata l’enorme clima di incertezza, la precaria condizione lavorativa ed economica, la scrivente O.S. esprime una seria preoccupazione per il futuro dei lavoratori, i quali, a causa della disperata condizione in cui versano potrebbero attivare clamorose azioni di protesta spontaneamente.

Pertanto si richiede un intervento urgente, attraverso una convocazione, al fine di giungere alla conclusione di una vicenda che si trascina ormai da diversi mesi
L’occasione è gradita per formulare,
Cordiali saluti.
Prot. N.1964/U/CE2/18
Teverola 05/07/2018
TRASMISSIONE URGENTE VIA PEC/FAX


Percorso

Abbiamo 236 visitatori e nessun utente online

 

GDPR e EU e-Privacy