antimomarreseL'approvvigionamento idrico è divenuto ormai un problema endemico per una parte importante di Casanova, la frazione del comune di Carinola che ha ben due rappresentanti in consiglio comunale, uno in maggioranza ed in giunta ed uno all'opposizioneche . Ieri, per l'ennesima volta, una delegazione di cittadini giovani hanno protocollato

un'istanza diretta ad ottenere il ripristino del servizio sono stati per un bel po fermi davanti al municipio a protestare inascoltati. Secondo questi giovani cittadini la ragione del disservizio starebbe nel mancato pagamento da parte dell'Ente di una salatissima bolletta ENEL che avrebbe indotto giustamente il privato ad interrompere il collegamento del suo pozzo alla condotta idrica comunale. Il privato avrebbe infatti concesso al Comune di collegare, con un percorso appositamente realizzato dall'Ente, costato alla comunità alcune decine di migliaia di euro, il suo pozzo con la condotta idrica comunale che, privata della immissione dell'acqua proveniente da questo pozzo, non erogherebbe più acqua in determinate zone di questa grande ed importante frazione, precisamente Borgo Laurenzi, via Sten. Montano, via Giardino e via Grancelsa. Considerato che il sindaco De Risi è a New York a correre la classica maratona, è toccato al suo vice Antimo Marrese sentire i rimbrotti e le proteste dei cittadini ai quali ha motivato il disservizio con un guasto alla pompa di spinta del pozzo Grancelsa che è di proprietà comunale, pompa che, secondo quanto mi riferisce stamane lo stesso vice sindaco Marrese sarebbe stata già stata riparata dalla ditta che ne cura la manutenzione del geom. Iacovone. Non nega però il vice sindaco che la vicenda non può considerarsi risolta perchè almeno per le parti alte della frazione di Casanova che sono poi quelle che soffrono la sete per una buona parte della giornata, lo dice lui, c'è bisogno anche dell'acqua del pozzo di Baratta, con il quale è stato sottoscritto un contratto dove il comune paga l'acqua ad un prezzo inferiore a quella del Consorzio Idrico, mi dice sempre Marrese, oltre ad un canone annuale, ma il contratto non sarebbe stato ancora registrato e poi vi sono ancora delle clausole da stabilire circa la manutenzione della pompa di questo pozzo che a quanto pare avrebbe avuto problemi e sulle modalità di pagamento delle bollette Enel. Sì ma intanto avete speso decine di migliaia di euro per la realizzazione dellacondotta che collega l'acquedotto al pozzo del privato e poi la gente di Casanova ha sete!""Per la condotta abbiamo speso meno di ventimila euro, diciotto, se non sbaglio, io mi sto attivando al massimo per la risoluzione del problema che ribadisco riguarda solo una parte di Casanova, quella alta, e solo per alcune ore del giorno, ma già ieri ho avuto un incontro con il privato"lo interrompo:"Ma non sta in America" Sì ma ci sono persone che lo rappresentano qui con i quali mi sono incontrato e comunque li abbiamo avvertiti che se in due o tre giorni non risolvono il problema li metteremo di fronte alle loro responsabilità oltre naturalmente ad assumerci le nostre! La faccenda la sta vagliando l'ufficio tecnico." Ma non sarebbe meglio pagare prima la bolletta?

 

Percorso

CHI E' ONLINE

Abbiamo 120 visitatori e nessun utente online

 

 

Statistiche Sito

Utenti
68
Articoli
6859
Visite agli articoli
10652893

GDPR e EU e-Privacy