Piacevolissimi incontri stamane a Carinola: prima Domenico Marino di Falciano del Massico, poco dopo

comitato ospedale poi Giulia Casella, che non in contravo da tempo, con lei Giuseppina Petrillo, la presidente di Lega Ambiente ed infine il giovane Maurizio Marino. Non avrei mai immaginato che stavano tutti a Carinola per la stessa ragione ma ben presto me ne sono reso conto. Sono tutti membri del "Comitato Ospedale S.Rocco Bene Comune" e stavano a Carinola per spiegare le ragioni e le finalità del Comitato stesso, nonché per conoscere l'orientamento dell'Amministrazione Comunale di Carinola che stamane era rappresentata oltre che dal Sindaco Antonio Russo, dagli assessori Elisa Mazzucchi e Antimo Marrese (vedi foto). I rappresentanti del Comitato hanno evidenziato le loro preoccupazioni, che chiaramente sono le stesse di coloro che, per una ragione o per l'altra, hanno avuto modo di constatarlo per esserne stati di recente utenti o pazienti, peraltro notevolmente aumentati a causa della chiusura degli ospedali di Teano, Rocca Romana e Capua Il depotenziamento continuo e progressivo è sotto gli occhi di tutti.

Mancano infatti le figure apicali del Direttore Sanitario, Primari di Chirurgia, Ginecologia ed Ostetricia, Pediatria, Anestesia e Rianimazione, Radiologia e Patologia clinica oltre che un Responsabile del Pronto Soccorso.

comitato ospedale2C'è addirittura un concorso già espletato regolarmente con tanto di graduatoria ma da aprile scorso si attende l'atto finale della nomina del vincitore.

Dal Comitato viene definita addirittura allarmante la carenza di personale medico e paramedico in ogni U.O.C.

Sofferenza delle attività ambulatoriali in ogni reparto per carenza di personale e strumenti diagnostici obsoleti.

Sovraccarico di lavoro nel Pronto Soccorso ove con una media di 65 accessi giornalieri ed oltre 300 indagini diagnostiche richieste ogni giorno tra analisi (235) e Servizio Radiologia(73), un medico di Pronto Soccorso dopo un turno di 6 ore e 20 minuti rischia di fare, quello che una volta chiamavamo il capostazione di Maiorisi, rischia infatti di visitare, fare diagnosi, prescrivere una terapia, e compilare una cartella di ricovero e di dimissioni a 16 pazienti.

In tutto questo buio risplende una luce, quella dei Vescovi che si sono succeduti nel tempo alla Diocesi di Sessa Aurunca, sempre vicini al Comitato e pronti a dare una mano per la soluzione dei problemi endemici dell'Ospedale di Sessa Aurunca.

Lo dice nel video Giulia Casella che aggiunge che anche S.E. il Vescovo Orazio Francesco Piazza è vicinissimo al "Comitato Ospedale S.Rocco Bene Comune" ed è stato grazie a S.E. Piazza che il Direttore dell'ASL di Caserta dott. Mario Di Biasio è venuto alla Basilica di S.Maria in Foro Claudio venerdì scorso, 12 Ottobre ed in quella occasione ha assicurato che l'Ospedale S.Rocco non sarà chiuso aggiungendo che questo Ospedale di Sessa Aurunca è Ospedale di barriera! Giulia Casella ed il Comitato tutto in blocco non si ferma e dopo aver sollecitato già diversi Comuni a pronunciarsi con una delibera, importante perchè la massima Autorità del Comune è il Sindaco, precisa Casella, che di battaglie di civiltà ne ha fatte tante e molte ne ha vinte, nell'intervista che vi presento!

E' già stato a Falciano del Massico, a Cellole, a Francolise ed a Roccamonfina il Comitato ed ha trovato tutte le amministrazioni disponibili a deliberare subito e, anticipa Giulia Casella, ci sarà a metà novembre un'assemblea per predere tutte le altre iniziative necessarie!

GRAZIE A Giulia , Giuseppina, Domenico e Fabrizio e agli altri componenti del Comitato ma GRAZIE anche a tutti gli operatori medici e paramedici di questo Ospedale di Barriera che nonostante tutto quello che abbiamo scritto, che non sono parole ma sono fatti, realtà con la quale debbono combattere tutti i giorni! Bravi!

Percorso

Abbiamo 876 visitatori e nessun utente online

 

GDPR e EU e-Privacy

EVENTI

matidia.jpg