CARINOLA.NET

La Notizia e non solo!

Font Size

SCREEN

Cpanel

OPINIONI

FURIA PIROMANE PROTAGONISTA NEGATIVA ESTATE2017

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Dove c'è un po di verde c'è un piromane; dove vi era una campagna ora c'è il terreno brullo ricoperto di scheletrici sterpi.

Così è e così pare che piaccia.    Il paesaggio intorno un tempo, solo qualche mese fa, verde è svanito nel

massico brucia falciano nulla della cenere e della rovina. Tutt'intorno, fino a Cascano e più su a Sessa Aurunca le fiamme hanno divorato ogni lembo di verde; dall'altra parte, a Falciano e Mondragone, tanto per restare in zona, le cose non stanno diversamente. Ma l'Italia tutta e il centro sud in particolare, sono completamente a disposizione dei malfattori. Il sinistro roboante volo, sulle nostre teste, di canadair ed elicotteri che si colmano d'acqua nel vicino mare e provano a porre rimedio alla scelleratezza umana, rappresenta il consueto annuncio di un tragico, ormai, familiare incendio nelle nostre campagne. 

Insomma, prima che ci raggiunga, forse, inopportuno, il freddo e, magari, cada finalmente qualche 

goccia d'acqua, è bene che ci si dia da fare.

Perché costoro, dico i piromani, amano distruggere ciò che la natura ci regala? Ma chi sono 

costoro? Ultimamente la televisione, un qualche telegiornale, ha parlato di quattro 

disorientati giovani, arrestati e immediatamente tornati a piede libero, sorpresi a dare fuoco 

su qualche terreno del Lazio, dichiarando che lo facevano per noia. Qualcun altro è stato 

beccato con le mani nel sacco, anzi, con il cerino in mano: ma sono questi i piromani? 

Purtroppo temo di no. A mezza voce o a voce intera, con fare sospettoso e quasi sempre 

inascoltato  qualcuno si lascia scappare qualcosa, aggiungendo che comunque la gente sa 

e tutti vedono. Il problema è che alcuni (molti?) di quelli che guardano, osservano e 

scrutano, danno l’impressione di sapere più di quanto dicono; essi mi ricordano, nel loro 

modo di riferire le cose, il signor Bloom  dipinto magistralmente da Joyce, sembra che 

guardino al mondo con "Occhi al burro con contorno di spettri.". Ed ecco qui i nostri possibili 

testimoni; mentre tutto va a fuoco e il verde scompare intorno a noi, si sente  parlare qua e la 

con aria saputa di autocombustione e c'è chi avanza tesi ancora più fantasiose e bislacche; ma il fuoco 

resta, anzi si espande e solo l'autunno probabilmente ci darà un poco di tregua. Ciò che è stato 

distrutto resta; pian piano la natura risorgerà sulla terra lasciata arsa e senza vita, e si metterà 

in attesa del prossimo piromane che, venuto il suo turno, si accingera a replicare la sua ottima opera.  

Mi è stato fatto notare da qualche lettore, che rivolgendomi ai protagonisti dei miei articoli, 

utilizzo una aggettivazione molto forte, usando termini spesso eccessivi, quali stupido 

oppure imbecille, idiota; la critica è sacrosanta e proverò a farne tesoro da qui in avanti. 

Perciò mi limiterò a invitare coloro che si imbatteranno in queste parole alla triste 

osservazione delle  campagne arse e distrutte. Da cosa? Dalla noia? Dall’interesse specifico 

di qualche singolo o di  qualche organizzazione malavitosa? Sicuramente dal disinteresse 

dei più.

Come ben si può immaginare avrei voglia di dire molte cose tutt'altro che lievi e accomodanti 

contro ciò che sta accadendo e contro quanto si è fatto ma, contrariamente al solito, me ne 

sto zitto e cheto. 

Preferisco  chiudere questo articoletto reclinando ogni rabbia e tenendo a freno la voglia di 

inveire affidandomi, per una volta, ad un antico detto yiddish, di cui sovente faccio uso, secondo il quale: "La 

gentilezza è la forma più alta di saggezza.".

E altro non mi resta da dire se non invitare tutti, al prossimo incendio, ad ammirare il 

risultato dellle gesta dei novelli eroi; l’indifferenza è forse la beffa più grande di tutto questo 

disastro. Significa che neanche stavolta abbiamo imparato qualcosa. Significa che il 

disastro ce lo meritiamo. O che magari avranno ragione quelli che diranno che non è 

successo niente, che siamo i soliti esagerati, che in fondo non è morto nessuno, che sono 

solo quattro alberi bruciati.

Accetta Cookies

Tu hai accettato di salvare cookie sul dispositivo che stai utilizzando. Questa decisione può' essere cambiata

 

 

Sei qui: Prima Pagina - ATTUALITA - OPINIONI - FURIA PIROMANE PROTAGONISTA NEGATIVA ESTATE2017