CARINOLA.NET

La Notizia e non solo!

Font Size

SCREEN

Cpanel

OPINIONI

LE SEDIE DELLA PASSIONE (VIDEO)

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Sembrerebbe quasi un'inezia rispetto ai solenni riti del Venerdì Santo dei paesi e delle città vicine,  la più famosa quella dei Misteri di Sessa Aurunca senza

dimenticare quella di Mondragone, possiamo però assicurarvi che la Via Crucis che don Luciano marotta lucianoMarotta, per gli impegni nelle altre parrocchie e non avendo il dono della ubiquità, è stato costretto a celebrare, non ci crederete, addirittura quindici giorni prima del giorno fatidico, cioè oggi pomeriggio, è stata qualcosa di veramente straordinario.

E' cominciata alle 16,30 partendo dalla casa Di Paola, poi casa Cardone, dove il padrone di casa proprio oggi festeggiava il primo giorno di pensione della sua carriera militare (auguri da carinola.net) e quindi  si è passati alla frazione di San Ruosi vera e propria, quella di via Belle Donne, quindi alla Chiesetta della Madonna del Carmine, dove il quadro era appoggiato sul muretto davati alla chiesa, poi ancora spaziolapide chiesa ventaroli antistante casa Anfora-Gemma e  vialetto case Ceraldi poi spiazzo su provinciale 44  per poi raggiungere finalmente  la Piazzetta della Chiesa di S. Anna nell'omonima frazione famosissima per essere la meglio conservata di tutto il comune e per aver dato i natali a Giuseppe Ciocco, antenato dei signori Ciocchi attuali, che fu con  160 monete d'oro nel 1722 generoso finanziatore della Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo a Ventaroli, come attesta la lapide marmorea(vedi al lato) dello stesso tempio a Ventaroli e Luca Menna il famosissimo Notaro di Carinola (autore del Saggio Istorico ossia Piccola Raccolta dell'Istoria Antica e Moderna della Città e Diocesi di Carinola nel crucis sanruosi11848, chiosata nel 1978 da Adele Marini Ceraldi) del quale abbiamo scoperto qualche giorno fa il certificato del battesimo avvenuto il 19 Ottobre 1779 a Ventaroli .

Non è la "Semana santa" di Siviglia o di Cadice, non è neppure la processione dei Misteri di Sessa Aurunca, ma è stata altrettanto struggente è bella, il sole splendeva oggi, il cielo era blu che più blu crucis sanruosi0non è possibile neppure in Scozia, il caldo si faceva sentire in un tripudio di colori degli alberi da frutto in fiore ed i cardellini facevano da colonna sonora interrotta purtroppo dai mezzi che passano sulla provinciale 44.

E poi, diciamolo, qui erano tutti orgogliosi e soddisfatti di avere una vera e propria processione per la via Crucis anche se anticipata di quindi giorni ma pare che a Ventaroli e San Donato si tratterà solo della cerimonia nelle rispettive chiese.

Qui la rivalità tra frazioni non muore mai!

La processione, che ha visto davanti a tutti la croce portata da Enzo Diana e subito dopo don Luciano, con il bravo Donato, figlio dell'indimenticabile Filippo, detto Filippone per la sua mole, uno degli artefici del Cinema Italia e poi Valentino Feola in crucis sanruosipole position come sempre,  si ferma secondo il rito, ad ogni stazione della via Crucis.

Come e chi sia riuscito a pensare di comporre quindici stazioni in una località così piccola, quello sì, resta un mistero.

Ma la fede è anche questo.

Qui non ci sono chiese che custodiscono gelosamente i loro misteri che poi il venerdì santo vengono portati in processione, qui la Passione di Nostro Signore vede  le stazioni rappresentate da sedie ricoperte interamente da un  bianco e ricamato tessuto crucis sanruosi2e suognuna di esse un quadro raffigurante una stazione e tanti fiori e piante di ogni tipo tutte intorno, ognuna di queste sedie è posta in prossimità di un'abitazione o all'interno di un viale o di uno spiazzo .

Questo è il modo semplice ma profondo ed intenso in cui i fedeli vivono , sia pure con una settimana di anticipo, la via Crucis.

E' molto bello vedere don Luciano dedicare tanto a così pochi ma la parabola della pecorella smarrita insegna!

borgo s anna1E' stato bello vedere ancora quanti addirittura da Casanova di Carinola sono venuti qui a San Ruosi e a Sant'Anna , non sono quelli della Festa di Maria SS.del Carmine e neppure quelli della Festa di S.Anna ma lo stesso chi vive qui, graziesedia passione a questo evento, peraltro inatteso, si è sentito coinvolto ed ha vissuto un momento di fede di quelli che un cristiano non può dimenticare.

La scelta della frazioncina di Sant'Anna come punto finale e location delle ultime stazioni della Via Crucis di oggi è stata davvero appropriata sia per la grande bellezza del luogo tetragono al tempo sia per il martirio della sua chiesa che proprio quest'anno ha dovuto subire,  ad opera di delinquenti sacrileghi e mascalzoni, l'onta del furto  di quadro che rappresentava proprio Maria e la sua Santa Madre, quadro cui tutta la comunità era affezionata e che ci auguriamo venga ritrovato al più presto magari a seguito di pentimento di chi ha compiuto l'insano gesto o di operazione risolutiva delle Forze dell'Ordine.

S.Anna , lo ripeteremo fino alla noia, resta sempre e comunque una delle location più belle del nostro comune, tanto bella e tanto dimenticata ! E' giusto che la Passione si sia conclusa proprio qui!

Commenti  

0 #1 RE: LE SEDIE DELLA PASSIONE (VIDEO)Novelio Santoro 2017-04-04 08:32
Come le dicevo ieri tramite il box Facebook che ora non vedo più, il padre di Donato si chiamava Giovanni Passaretti ed era di corporatura normale - N/S
Segnala all'amministratore

Accetta Cookies

Tu hai accettato di salvare cookie sul dispositivo che stai utilizzando. Questa decisione può' essere cambiata

 

 

Sei qui: Prima Pagina - ATTUALITA - OPINIONI - LE SEDIE DELLA PASSIONE (VIDEO)