Non voglio assolutamente fare considerazioni politiche, mi preme invece evidenziare al consigliere Di Biasio la normativa vigente:l’art. 3 del codice della strada ("Nuovo codice della strada", decreto legisl. 30 aprile 1992 n. 285),ad oggetto “Definizioni stradali e di traffico” si

occupa della definizione stradale e del traffico; al comma 9 del predetto articolo, si occupa di definire la circolazione stradale e testualmente recita:


diasio franco capogruppopd9) Circolazione: è il movimento, la fermata e la sosta dei pedoni, dei veicoli e degli animali sulla strada.

Pertanto è chiaro che la sosta è una fase della circolazione stradale, per cui un auto in sosta si definisce in circolazione.

Tale circostanza può essere facilmente accertabile leggendo il codice della strada o semplicemente chiedendo a qualche parente vigile urbano.

Relativamente all’ autovettura che il consigliere evidenzia “sembra che fosse parcheggiata su un suolo privato” si precisa che dalle foto in possesso del Comando (disponibili per la visione anche al consigliere comunale) evidenziano la sosta del veicolo sanzionato ( e comunque di tutti i veicoli sanzionati) in area pubblica con precisione in corrispondenza di un tombino fognario (e comunque in un’area ad uso pubblico qualora il tombino pubblico sia stato costruito su area privata).

Comunque appare alquanto strano che un consigliere comunale voglia fare politicadisapprovando comportamenti legittimi e peraltro mirati alla sicurezza stradale, in quanto la circolazioni di veicoli che non sono stati sottoposti alla visita periodica di revisione o che peggio ancora non l’abbiano superata sono sicuramente pericolosi non solo per i conducenti ma per tutti gli utenti della strada in quanto con dispositivi non funzionanti o comunque non in piena efficienza; i controlli effettuati  (che purtroppo hanno provocato l’accertamento di alcune infrazioni al codice della strada), peraltro, tutelano anche il proprietario del veicolo sanzionato, in quanto in caso di sinistro stradale (anche con ragione) l’assicurazione potrebbe non risarcire gli eventuali danni.

Mi preme evidenziare la mia disapprovazione verso il comportamento del consigliere comunale cheincita i cittadini quasi al mancato rispetto della legge (quando dovrebbe essere il contrario); apprezzo  le segnalazioni di Lorenzo Razzino miranti ad evidenziare comportamenti incivili dei cittadini; sarebbe opportuno che il consigliere si occupasse delle cose che non funzionano e non di quelle che funzionano, come ad esempio gli operatori di Polizia Municipale che in circa 4 anni, non hanno mai accertato abusi edilizi e/o sversamenti abusivi di rifiuti nonostante impegnati giornalmente in attività di controllo del territorio (preciso che tutti gli abusi edilizi sono stati tutti, e sottolineo tutti, accertati e segnalati dal sottoscritto nonostante impegnato quasi totalmente in attività d’ufficio).

Preciso comunque, che gli accertamenti sono stati effettuati nel pieno rispetto della legge ( in caso contrario invito a presentare denuncia di abuso d’ufficio a carico del sottoscritto) tra l’altro relativiad una violazione documentale difficilmente annullabile in sede di ricorso (in tal caso il Comando si difenderà nelle sedi opportune). 

Concludo evidenziando, cheun consigliere comunale dovrebbe occuparsi dei problemi della città e delle modalità di risoluzione e non criticare l’applicazione della legge a tutela della sicurezza stradale e dei cittadini tutti.


Percorso

Accetta Cookies

Abbiamo 260 visitatori e nessun utente online

DJ-imageslider

  • Virgo_lactans.jpg
  • rousseau.jpg
  • paola_luca_pubblico1.jpg
  • paola_luca_pubblico.jpg
  • paola_luca_donamato1.jpg
  • paola_luca_donamato.jpg
  • paola_luca_bacio.jpg
  • paola_luca3.jpg
  • paola_luca2.jpg
  • paola_luca1.jpg
  • paola_luca.jpg
  • insidia_trabocchetto.jpg
  • ale_diego2.jpg
  • ale_diego1.jpeg
  • ale_diego.jpg
  • ale_diego.jpeg

GDPR e EU e-Privacy

elisa_rinalduzzi.jpg