ATTUALITA

luberto monsAvevo tredici anni quando Mons. Luberto, allora don Riccardo, fu parroco di Ventaroli, oggi parte della Parrocchia di S.Maria in Foro Claudio che comprende anche quella di S.Donato e S.Agnello. Vi restò cinque anni durante i quali fui anche presidente dell'Azione Cattolica e di conseguenza, grazie a lui, perfino presidente della squadra di calcio "Victoria Ventaroli" iscritta al torneo diocesano del

Caro Beppe, stamane,dopo aver letto la pagina "cosiddetta" sportiva del Corriere della Sera, facevo delle riflessioni ad alta voce sulla vicenda Sarri-Mancini e su tutto il polverone che ne è seguito, mia moglie, che è inglese e con la quale vivo da oltre quarant'anni, mi ha detto:"Vedi, tu di questo non puoi parlare,

passarodon enricoDon Enrico Passaro parroco delle parrocchie di Carinola e S.Croce protagonista di un comunicato ansa campania di poche ore fa che titola "Unioni civili:preghiere contro la legge" e poi l'articolo :"In attesa che si definisca in Parlamento l'iter di approvazione della legge sulle Unioni Civili, la battaglia di valori e idee che ne è

Image
Annunziata Nocelleto

A Nocelleto

Né più mai godrò dell'aria paesana,
che fin da fanciullo ho respirato,
Nocelleto mia, che te specchi nell'onde,
del lercio Savone vergognosamente inquinato.

Ecomafia, e fea quei mucchi fecondi
con l'imperioso sorriso, onde non tacque
il dolce profumo e le torbide nubi
di acre fumo verso di colui che l'acque

canti fatali di politici risolutori
belli di fama e di prestigio
dimostratisi solo ingordi roditori.

Tu non altro che il canto avrai dei tuoi figli,
o materna mia terra; a noi prescrisse
morte naturale degna fato tumorale sepoltura.

Alberto Reccolani


L'estate sta finendo (Live to tell)

Image
Chiesa S.Donato e S.Agnello

Quando la vecchia S.F.E.A.S.(corriera che copriva il tragitto Sparanise -Formia) si allontanava con gran rumore dalla fermata di S.Donato, io ero appollaiato nell'ultimo sedile e dall'oblo' posteriore della vecchia corriera  vedevo scorrere e sparire a mano a mano tutte le case, una dopo l'altra, i miei lacrimoni aumentavano..si tornava a Roma, ..era il segno ineluttabile che l'estate era finita e di li a poco si tornava a scuola, dopo piu' di tre mesi di scorribande nelle campagne,nelle spiagge di Mondragone o Scauri , di cocomero, o di "freselle", per non parlare di mozzarella, o delle bottiglie di pomodoro, fatte con le zie ed i nonni, anche se anche li' era un gioco continuo, per non parlare delle "battaglie di guerra" fatte nelle campagne.fino al tramonto, o delle collane. fatte con le more, e del profumo della polvere da sparo per la festa del Patrono e di come di notte la Via lattea si tuffa dritta nel mare di Mondragone. Tutto questo,era finito ed i pantaloncini corti si sarebbero solo indossati l'anno successivo per altre... sbucciature..per altre corse con le biciclette o "gare con le biglie di vetro" che non finivano mai.C'era il dovere, il sapere, l'istruzione che ci attendeva nella metropoli, nei nostri palazzoni, anonimi, ma anche  un altro tipo di vita che ci attendeva.  Un altro sapore, ed io son cresciuto cosi'..sempre diviso tra questi due sapori.., ma lo scopo di queste righe è quello di lanciare un messaggio a tutti quanti oggi, come me, sono genitori e vivono queste due realta' per svariate ragioni,  personali e/o di lavoro..il messaggio, come la canzone di Madonna e' quello di "Vivere per dire (raccontare)".Parlate ai vostri figli/e, ma con amore e non con saccenza, raccontate di quanta gente, che forse non c'e' piu', avete conosciuto o sentito parlare, quando anche voi portavate i pantaloncini corti,e fatelo descrivendo il profumo ed il colore del tempo, anche quello scomparso, e fatelo sempre con un sorriso, perche' "diciamocelo"..noi eravamo felici di quelle "piccole cose" e visto che i tempi cambiano, fatelo, invitando gli stessi figlioli e voi stessi a raccontare le vostre storie o pezzi della vostra vita " da giovanotto o signorina", anche con la tecnologia moderna (blog di Carinola.net).e  sara' bello essere sempre vicino ai luoghi amici.., ma certe volte "lontani" dalla vostra realta' di vita.osi',anche quando sarete nelle vostre citta' o nelle vostre realta', anche grazie alla moderna tecnologia, potrete in un click, essere "di nuovo.come una macchina del tempo con i pantaloncini corti ...e tornare indietro nel tempo" . Fatelo, continuando ad "arruffianarvi" i vostri figli....(piu' pratici di computer ma anche piu' curiosi di questa nuova avventura)uando, saranno grandi come noi...e.. torneranno "da soli"...li dove avete vissuto la vostra "estate", sara' per loro come sentirsi a casa, dove " l'estate non e' mai finita !!!".Caro Administrator, l'invito e' quindi di aprire..una finestra..sul sito, dove gnuno possa raccontare "quel pezzo della propria estate, o di natale, o pasqua"i tanto tempo fa..Fai tu !!!

                                                                                    Camillo Cirelli

Fatelo, fatelo, ripeto io,Grazie Camillo! Ho aperto un apposito "FORUM" su "Mi ricordo...un'estate...!" Ciascun visitatore cliccando sul Forum potrà leggere e, registrandosi, potrà inviare, con un post, tutti i ricordi che vuole, anche anonimi!

                                                                                                     Administrator 

 

 

Alfredo IannottaIl 23 settembre prossimo, alle 9,00 a Palazzo Novelli, ci sarà, finalmente,  la presentazione del libro "La Guerra e il bambino" da Napoli a Carinola di Guido Marrese Coordina il giornalista e scrittore Ermanno Corsi. Ospiti d'onore: Alfredo Iannotta di

Sottocategorie