ATTUALITA

Un depuratore
Un depuratore
Se il Depuratore non c'è, non bisogna pagare la quota della tariffa sulle Acque reflue:La Corte Costituzionale con sentenza del 10 Ottobre 2008 ha dichiarato incostituzionale l'art.14 comma 1 della legge n.36/1994 recante disposizione in materia di risorse idriche, sia nel testo originario sia in quello modificato dall'art.28 della legge 179/2002 recante Disposizioni in materia Ambientale nella parte in cui prevede che la quota di Tariffa riferita al servizio di depurazione è dovuta dagli utenti anche nel caso in cui la fognatura sia sprovvista di impianti centralizzati di depurazione o questi siano temporaneamente inattivi.Di conseguenza è incostituzionale la norma di cui all'art. 155, comma 1, primo periodo, d.lgs. n. 152/06 recante Norme in materia ambientale, nella parte in cui prevede che la quota di tariffa riferita al servizio di depurazione è dovuta dagli utenti anche nel caso in cui manchino impianti di depurazione o questi siano temporaneamente inattivi . Figuriamoci quando mancano addirittura le fognature come a San Ruosi di Carinola ed in altre piccole frazioni del nostro Comune, dove di completare la rete fognaria non se ne parla neppure! La sentenza della Corte Costituzionale è la n.335 del 10 Ottobre 2008, Presidente Giovanni Maria Flick ( il Ministro della Giustizia del Tribunale a Carinola, non lo dimentichiamo!). Era stato il Giudice di Pace di Gragnano a rimettere alla Corte Costituzionale la questione avendo un cittadino di Gragnano  convenuto in giudizio il Comune "affinché sia accertata e dichiarata non dovuta la quota di tariffa riferita alla depurazione di acque reflue da lui pagata per l'anno 2001, con conseguente restituzione della stessa; b) secondo l'attore, il Comune convenuto gli aveva richiesto il pagamento del canone di depurazione pur non avendo assicurato agli utenti la fruizione del servizio di depurazione delle acque reflue, per mancanza degli appositi impianti.". . ."La norma censurata, imponendo l'obbligo di pagamento in mancanza della controprestazione, prescinde dalla natura di corrispettivo contrattuale della quota e, pertanto, si pone ingiustificatamente in contrasto con la sopra delineata ratio del sistema della legge n. 36 del 1994, che, come si è visto, è invece fondata sull'esistenza di un sinallagma che correla il pagamento della tariffa stessa alla fruizione del servizio per tutte le quote componenti la tariffa del servizio idrico integrato, ivi compresa la quota di tariffa riferita al servizio di depurazione."  E conclude:"1) dichiara l'illegittimità costituzionale dell'art. 14, comma 1, legge 5 gennaio 1994, n. 36 (Disposizioni in materia di risorse idriche), sia nel testo originario, sia nel testo modificato dall'art. 28 della legge 31 luglio 2002, n. 179 (Disposizioni in materia ambientale), nella parte in cui prevede che la quota di tariffa riferita al servizio di depurazione è dovuta dagli utenti «anche nel caso in cui la fognatura sia sprovvista di impianti centralizzati di depurazione o questi siano temporaneamente inattivi»; 2) dichiara, ai sensi dell'art. 27 della legge 11 marzo 1953, n. 87, l'illegittimità costituzionale dell'art. 155, comma 1, primo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Norme in materia ambientale), nella parte in cui prevede che la quota di tariffa riferita al servizio di depurazione è dovuta dagli utenti «anche nel caso in cui manchino impianti di depurazione o questi siano temporaneamente inattivi». 

Cosí deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, l'8 ottobre 2008. 
DEPOSITATO IN CANCELLERIA IL 10 OTTOBRE 2008"

R.Palmieri,F.Giacca,M.Di Lorenzo,S.Di Francesco
R.Palmieri,F.Giacca,M.Di Lorenzo,S.Di Francesco
Stamane a Palazzo Petrucci l'assessore alla cultura Mattia Di LORENZO ha tenuto una conferenza stampa insieme al Consigliere Comunale Roberto PALMIERI , al Presidente del Consiglio Salvatore DI FRANCESCO , all'assessore alla P.I. Franco GIACCA ed all'O.T. Leandro CASERTA, durante la quale sono state illustrate le tematiche relative alla spedizione che gli stessi protagonisti della conferenza in uno con il Sindaco Gennaro MANNILLO hanno effettuato  dal 30 Ottobre scorso al 1° Novembre al Salone Internazionale delle Vacanze al Centro Esposizioni di LUGANO. Una manifestazione - esposizione di rilievo internazionale nella quale unico Comune presente di tutta la Provincia di Caserta era Carinola. Il tema della kermesse era:I Viaggiatori- Luoghi, Popoli e Culture! Una Fiera internazionale del Turismo, anche eno-gastronomico, dove Carinola occupava uno Stand piuttosto centrale, per la precisione il n°5/68, dove  appunto erano in bella mostra i prodotti tipici della nostra zona e più in particolare del nostro comune: la mozzarella de La Salicella, il vino Falerno delle Aziende La pera, Migliozzi, Scialla e Trabucco, l'olio di De Ruosi, il miele Scialla e la mela Annurca di Ferrante. Secondo quanto riferito dagli assessori quando è stata presentata la mozzarella si sarebbe verificato una sorta di assalto alla diligenza. Di Francesco ha evidenziato che meglio sarebbe stato se l'Amministrazione avesse preventivamente informato i concittadini emigrati in terra elvetica, alcuni dei quali, presenti per caso, non hanno comunque fatto mancare il plauso per l'iniziativa, prima del suo genere nel nostro comune. Rilevava ancora una grave carenza sulla neonata galleria-tunnel  S.Giuseppe di Cascano laddove manca, per chi provenga da Roma, una 

ImageDopo aver trascorso l'intera notte davanti al teleschermo ho avuto la soddisfazione di assistere ad un evento storico memorabile.Gli Stati Uniti d'America , lo stato più potente al mondo ha dato una lezione di democrazia  eccezionale con tre episodi che dovrebbero fare accademia in Italia ed in Europa.
Hanno eletto un Presidente nero; il perdente , un attimo dopo , si è congratulato col vincitore ed ha messo se stesso ed il suo partito a disposizione della Nazione:il vincitore no ha esitato a riconoscere la lealtà e l'attaccamento alla Nazione dello sconfitto ribadendo di essere fiero di averlo al suo fianco.
Qui per molto meno si instaura l'odio , non si riconosce meritevole il vincitore e tanto meno lo sconfitto , oltre che avversari si diventa nemici , e non ci passa neanche per la mente la possibilità di avere un Amministratore con la pelle diversa dalla nostra.Oggi bisogna riconoscere agli USA il più alto grado di democrazia mai visto al mondo e bisogna dare atto ai protagonisti di questa, lunghissima,campagna elettorale , di essere persone eccezionali come eccezionale è il potere che gli sarà conferito.Ora speriamo che Obana riduca i focolai di guerra e crei i presupposti per un Mondo migliore , meno attaccato alla ricchezza e propenso a conservare l'ambiente e la pace alimentando la ricerca e abolendo l'uso delle armi , ricostruire quanto Bush ha distrutto non sarà facile e non sarà 

ImageImageImageUn altro scempio, come all'Episcopio, questa volta senza dolo, ma siamo sicuri che un parafulmine non avrebbe risparmiato il convento? L'ho visto poco fa: la Croce in calcestruzzo con l'anima in ferro ha fatto probabilmente da parafulmine, è rimasta sulla cuspide l'anima in ferro, tutta la parte destra del cornicione e una parte del tetto è crollata giù sotto il colpo tremendo di questo fulmine blasfemo! Sulla piccola salita che porta al convento era parcheggiata una vettura dell' Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia- Osservatorio Vesuviano! Tutto è transennato ma le parti del cornicione precipitate sul piazzale sono tante ed alcuni massi cadendo hanno anche distrutto parte della scala di accesso al Monumentale Convento di S.Francesco a Casanova di Carinola. Ancora un gravissimo colpo per uno dei gioielli di Carinola,  tra i più preziosi. Parlo con padre Giovanni Siciliano, l'unico Frate del Convento, e mi racconta che quando il fulmine si è abbattuto sul Convento era all'interno, in sagrestia, ed è stato  probabilmente "Padre Michele" che ha salvato lui e quanti altri erano nel convento in quel tragico attimo! Ci ha riferito che la visita dei Vigili del Fuoco ha escluso qualsiasi pericolo di crollo e che i danni al tetto non  sono tali da creare una vera e propria apertura ma comunque potrebbero, se non si interviene, esservi infiltrazioni pericolose per l'interno della chiesa. Ci riferiva che anche i locali e gli strumenti dell'Osservatorio sarebbero stati danneggiati dal fulmine, spiegando così la ragione della presenza dell'auto sulla salita del Convento e 

ImageDopo la celebrazione del terzo Premio Nazionale di Poesia Fulvio Nuvolone  di appena quindici giorni fà e il Premio Moscati della Domenica  successiva al Monumentale Convento di S.Francesco è andato in scena purtroppo   uno spaventoso temporale  ed alcuni fulmini si sono abbattuti sulla struttura muraria lasciando il segno anche sul cornicione della splendida facciata appena ristrutturata. Anche l'impianto elettrico del Convento è andato in tilt, tanto che non è stato possibile per Padre Giovanni Siciliano celebrare la Santa Messa e non ci risulta sia stato ancora riparato. Si tratta dello stesso temporale che ha causato il guasto nell'impianto di pubblica illuminazione della frazione di S.Croce non ancora riparato definitivamente. Intanto sui muri cittadini altre saette, questa volta, per fortuna, virtuali, si abbattono sulla Amministrazione Comunale ed in particolare si ricorda, da parte del Partito Democratico, che, nonostante il tempo trascorso, l'Amministrazione non ha ancora risolto il problema della gestione dei Cimiteri. Il gruppo di maggioranza con un manifesto assai più ridotto di dimensioni,  ma non per questo meno incisivo, ha risposto che non intende revocare alcun contratto per non gravare il bilancio della penale di ottocentomila euro, intende piuttosto procedere alla risoluzione contrattuale. Il Sindaco Mannillo, da noi interpellato, ha ribadito il concetto informandoci che anche al Cimitero di Nocelleto in occasione della posa dellacorona della Commemorazione dei defunti, sia pure molto brevemente ha informato la cittadinanza in tal senso aggiungendo di aver incaricato un legale per la soluzione della faccenda "cimiteri".


ImageA Mario , Carmine e Enzo oltre agli scontati saluti, ed ai sinceri auguri a Carmine per la bambina , voglio dire che per me non è mai un  dispiacere il civile confronto anzi lo ritengo  un importante mezzo di crescita democratica , specie quando intercorre tra persone che mettono al primo posto il rispetto personale reciproco e si confrontano sul terreno  delle idee.


Caro Mario la tua "intrusione" è quanto di più piacevole internet possa offrire , oserei dire è lo scopo essenziale per cui ha motivo di esistere una rete telematica.

Le tue parole sanno di saggezza  e di vita vissuta con il realismo tipico di noi meridionali che guardano le cose con la consapevolezza delle  realtà in cui esse si materializzano.


La superficialità con cui ci dici sia trattata Matera è disarmante e non ci sono giustificazioni plausibili , questo ci dispiace e mi sento di darti tutta la nostra solidarietà.


Quanto al discorso intrapreso, tuo tramite ,con Enzo , non ha creato, ne a me ,e certamente neanche a lui, nessun disaggio anzi fa piacere sapere che a qualche chilometro di distanza qualcuno legga i nostri interventi e li commenti, questo ci dà la voglia di continuare e la certezza che le nostre parole non si disperdano nell'etere inutilmente.


Aspettiamo puntuali i tuoi interventi che ci auguriamo non ci farai mancare , ma incontrarci personalmente resta comunque al primo posto nei miei desideri.


Quanto all'accorato e particolarmente ironico intervento di Carmine  , credo di poter dire che la sua sottile ironia non si distacchi molto dalla realtà che ci circonda anche se il golf ed il bridge sono molto lontani dalla mia visione della vita , le passeggiate e le bocce si avvicinano di più al mio essere ma complessivamente mi sento di dire che non abbiamo ne le une ne le altre e questo non può farci piacere .


Quanto a Enzo , sappiamo tutti il suo attaccamento a questi luoghi, ed il suo ottimismo che  lo porta a vedere di buon occhio anche quello che a noi sembra  "diverso" compreso l'elogio ai nuovi amministratori contro i quali insieme abbiamo condotto una vivacissima battaglia elettorale e che oggi sono i nostri amministratori e quindi i  deputati a decidere per noi .


Finite le elezione certo si torna amici , e ci mancherebbe che così non fosse, avremmo il comune diviso in due ,poi le idee si formano sui fatti e questi cambiano a seconda l'ottica con cui si guardano.


Importante resta essere vigili ed esercitare il controllo necessario per non incorrere nel dramma del passato recente , quando intere popolazioni sono dovute scendere in strada per correggere decisioni nettamente sbagliate.


Grazie a tutti e tre per l'animazione offerta al  dibattito con l'augurio che altri "intrusi" vicini e lontani si rendano protagonisti della nostra , cara, realtà virtuale che aiuta a leggere le dinamiche della vita sul nostro territorio.

Roberto

Annurca a San Ruosi
Annurca a San Ruosi
Autunno a San Ruosi
Autunno a San Ruosi
Carissimi Roberto ed Enzo, mi sento chiamato indirettamente in causa; non era e non è mia intenzione creare o dare fastidio; da quanto ho scoperto il "nostro sito", mi sento ancor più legato alle mie radici, a tutta la comunità sandonatese, agli amici di Carinola, agli amici di Santa Croce, dove vive tutt'ora un carissimo zio materno; agli amici di Nocelleto, a tutti, insomma.
Roberto, Enzo, Amici tutti, io vi ringrazio perchè nel civile dibattito c'è sempre da imparare dall'una e dall'altra parte. So benissimo che, in questo momento storico, c'è da pesare ogni parola; non pensate che a Matera sia tutto oro; cosa ne pensate di una città, patrimonio mondiale dell'Unesco, dico Unesco, non  collegata alla ferrovia dello Stato? che per arrivare a Bari (60 Km.), con una ferrovia a scartamento ridotto occorrono 50/60 minuti salvo rotture di littorina? Abbiamo i famosi "Sassi" ma non hanno dato un granchè di occupazione;l'industria del mobile imbottito (salotti)è in piena crisi, con interi stabilimenti chiusi ed operai e rispettive famiglie messe sul lastrico, quindi come si dice:mal comune, mezzo gaudio.
In conclusione, amici, cerchiamo sempre 

Dimitri con il Gruppo Op.Biblioteca
Dimitri Pierri ed il Gruppo Operativo Biblio.
Alla luce dell’ultimo interessante incontro che abbiamo tenuto con i ragazzi della scuola media di Carinola nella sede della biblioteca, trovo ancora più stimolante questa esperienza carinolese.

Oggi, ancora di più, penso che sia importante parlare e soffermarmi brevemente su di una realtà che si è concretizzata ed è diventata qui, a Carinola, un qualcosa di tangibile. Sì, dopo una lunga gestazione questo comune ha una sua biblioteca, aperta a coloro che intendono usufruirne; e questo è possibile da pochi giorni, esattamente dal primo ottobre. Tale importante istituzione ha finalmente iniziato ad espletare la sua funzione, ciò per cui, in genere, una biblioteca si costituisce ed esiste, vale a dire il prestito e la consultazione dei testi di cui dispone. Tuttavia siamo ben consci che oggi questa importante funzione non è più il compito principale legato ad una biblioteca. Ai nostri giorni altro si chiede ad una simile istituzione che partendo dai libri, che pure la costituiscono, la compongono e ne danno il nerbo, altro deve sapere offrire. Oggi una simile struttura culturale deve essere in grado di andare incontro a quelle che sono le esigenze di una società che si presenta ben più complessa, articolata e, spesso, di difficile comprensione rispetto ai tempi in cui le biblioteche 

 

ImageImageImageImageImageImageSì è proprio così: le immancabili cassandre sono state battute dall'entusiasmo con il quale il Comitato popolare organizzatore con in testa l'instancabile Presidente Nicola Lepore ha seguito passo passo lo svolgersi di tutta la manifestazione che, per il decimo anniversario, ha realizzato il meglio di tutti i tempi e di tutte le manifestazioni similari svoltesi nella zona! I mugugni del giorno prima , in alcuni casi protrattisi fino al mattino della Domenica erano causati da quella che poteva sembrare una ingerenza dell'Amministrazione Comunale, che evidentemente ad alcuni non era gradita,ma in effetti alla fine tutto si è risolto per il meglio, sia perchè non è apparsa fuori luogo la presenza di alcuni rappresentanti istituzionali, vedi il sotosegretario alle politiche Agricole e forestali on. BUONFIGLIO, sia quella dell'ex Ministro, On.LANDOLFI, sia quella degli assessori GIACCA e DI LORENZO, alcuni hanno solo presenziato, gli onorevoli hanno fatto interventi flash e solo ed esclusivamente sulla materia e cioè il vino, la sua bontà e la valorizzazione di questo territorio! D'altra parte è grazie a loro che oltre alle telecamere di LINEA VERDE e del GAMBERO ROSSO, erano presenti i rappresentanti di entrambe le testate e l'ormai mitico SABELLICO che , sembra, Giudice Unico, ha scelto il vincitore tra i vini FALERNO della zona. Primo, secondo e terzo hanno avuto una targa le cui raffigurazioni di 

ImageOGGI APRE LA BIBLIOTECA COMUNALE A PALAZZO NOVELLI! Apre in silenzio, come si addice appunto  ad una istituzione di tal fatta, senza clamori, con serietà e dedizione,la stessa serietà e dedizione che i ragazzi del Gruppo Operativo hanno voluto profondere senza tregua sin  dall'inizio in quella che sembrava essere una sorta di traguardo impossibile, una chimera insomma, che, a dispetto di tanti soloni e tante cassandre, che ne hanno perfino snobbato la partecipazione, hanno dato a Carinola  ed a tutti i Carinolesi una fantastica possibilità, da oggi si può . . .e ciò che più conta è che questi ragazzi continuano a farlo perchè non si fermano e fortissimamente vogliono andare fino in fondo!  Quindi ringraziamo tutti questi valorosi capitanati da Dimitri PIERRI che ha dimostrato di essere ottimo condottiero in mari procellosi su un veliero non sempre in ottime condizioni e con qualche ammutinamento! Ma quel che conta è l'approdo, è l'entusiasmo con il quale tanti  cittadini del nostro Comune vicini e lontani, da ultimo il celebre scrittore Prof. Michele LEPORE, continuano a donare tante opere alla neonata biblioteca ! Quindi entusiasmo che dilaga e che cresce ! Oggi non ci sarà la preventivata presenza degli alunni della scuola media e la donazione della Carta Costituzionale, in occasione del suo sessantennale, da parte del Sindaco Mannillo agli alunni della scuola media perchè il

Sottocategorie

Abbiamo 464 visitatori e nessun utente online

 

GDPR e EU e-Privacy

EVENTI

telethon.jpg