ATTUALITA

Image
Ingresso Istituto Suore
Image
Retro Istituto Suore
Image
da www.comunedipignataro.it
        Stamane ancora proteste a Carinola, stavolta le proteste riguardavano la possibile individuazione da parte del Sindaco di un sito di stoccaggio provvisorio per i rifiuti del nostro Comune. Sembra che l'allarme sia stato dato dalla madre superiora dell'Istituto Cuore Immacolato di Maria che ospita una scuola materna ed elementare privata con duecento bambini circa, scuola che trovasi al bivio con la strada che porta a Mondragone e quindi ad una distanza di oltre un Km e mezzo dal luogo in cui il Sindaco intendeva conferire i rifiuti! Alla protesta dei cittadini, molti dei quali erano i genitori degli alunni che peraltro erano presenti con la Madre Superiora nella stanza del primo cittadino, Di Biasio, visibilmente contrariato, ha rassicurato i presenti affermando che nessuna decisione era stata presa e tutti sono andati via soddisfatti che i rifiuti rimangono sulla strada. L'incredibile di tutta questa vicenda è infatti la assoluta indifferenza della popolazione rispetto al mare, anzi all'oceano di immondizia, che inonda da mesi le strade ed i centri cittadini, e la ribellione della gente come immediata conseguenza di una soluzione che vede interessata, perchè più vicina, sia pure di qualche km, una qualsiasi frazione del 

Torna il sereno a Carinola, l'incubo ecoballe si allontana con il verbale redatto oggi pomeriggio è scongiurata allo stato ogni possibilità di allocarle nell'immediato sul nostro territorio. Presenti i Sindaci di Carinola, di Francolise, di Cancello Arnone e di Grazzanise, i consulenti dei Comuni, Geologi, Ingegnieri e quant'altro, l'Ing.Perillo, i tecnici dell'ARPAC, tutti d'accordo, dopo le operazioni di carotaggio che hanno rivelato la presenza di rifiuti sversati in quella zona in epoche più o meno remote si è deciso di sospendere sine die ogni altro atto che possa condurre alla realizzazione del sito di stoccaggio provvisorio per ecoballe! All'inizio di questo dramma ci richiamammo al poema giocoso di Giulio Cesare Croce laddove il protagonista scelse la pianta dove il re non lo avrebbe mai potuto impiccare, mi si perdonerà l'accostamento, ma anche in questa occasione l'aver indicato, sia pure con tutte le riserve, un luogo in cui non è stato possibile realizzare il sito, è stata una trovata geniale. Certo il merito maggiore va certamente al Sindaco DI BIASIO che ha lottato fino in fondo ottenendo il risultato tanto agognato, ma è pur vero che, essendo ormai scongiurato anche Vaglie, si può tranquillamente asserire di aver preso con una fava i classici due piccioni. Scornati quindi tutti coloro che speravano in una sconfitta del nostro territorio, si può ricominciare a ragionare in modo tranquillo e pacato senza essere ossessionati da una spada di Damocle e senza continuare con la caccia agli untori che ha contrassegnato questo scorcio di amministrazione.Restano, per carità, tanti altri problemi da risolvere e soprattutto quello della immondizia nelle strade cittadine, ma  si avvicina a tappe forzate anche la soluzione di questa emergenza, visto che stamane il Sindaco avrebbe individuato la zona dove allocare temporaneamente i rifiuti secondo le regole dettate dal Commissariato nella nota del 24 Dicembre u.s. e cioè :preventivo parere Arpac, tempo determinato e quantitativo di rifiuti da conferire predeterminato.Il sito scelto dal Sindaco si trova sulla provinciale che porta a Mondragone in località Colella,  per intenderci, dove fino a poco tempo fa erano allocati materiali Enel, distanza dal capoluogo circa due km. Occorre però a nostro avviso incentivare subito la differenziata contrassegnando i sacchetti blu con i nominativi degli utenti che dovranno essere premiati con una riduzione della tarsu proporzionata alla quantità di differenziata conferita (Mercatyo Sanseverino docet!). Bisogna inoltre sorvegliare i luoghi di conferimento in modo che non possano essere conferiti rifiuti se non con i sacchetti consegnati dal nostro comune a coloro i quali pagano regolarmente la TARSU! Questo potrebbe essere l'inizio per recuperare quella credibilità che la nostra Regione ha perduto, in questo tragico momento, davanti all'umanità intera.

Presenti:Pasquale Di Biasio – Sindaco pro-tempore del Comune di Carinola;Andrea Russo - Sindaco pro tempore Comune di Francolise;Pasquale Emerito - Sindaco pro tempore Comune di Cancello ed Arnone;Enrico Parente- Sindaco del comune di Grazzanise;  dott. Ing. Giovanni FREDA – Componente Ufficio Direzione Lavori.Dott. Bernardo Vicario – Collaboratore ARPAC – Caserta; Prof. Geol. Giovanbattista de Medici – Consulente del Comune di Carinola;dott. Pasquale Galdieri – Consulente Agronomo del Comune di Carinola;   ing. Mario Montanari – Responsabile Settore LL.PP. Comune di Carinola;   dott. Petriccione Antonio - Consulente del Comune di Cancello ed Arnone;   dott. Geol. Ventre Antonino – Comitato “TERRA FELIX”;si è stilato il verbale qui di seguito riportato:

 

da www.pupia.tv
Ecoballe a Villa Literno
Oggi ci ha telefonato la televisione francese per chiedere dove si trova Carabottoli perchè domani  operatori di questa emittente televisiva  sarebbero venuti per riprendere le ecoballe viste su un sito web. Ho spiegato subito che le ecoballe, grazie a Dio, a Carabottoli non ci sono, e per riprenderle debbono andare altrove! Mancano poche ore all'inizio delle operazioni in località Carabottoli, operazioni che partiranno alle nove del mattino di domani 10 Gennaio 2008, secondo il calendario stilato dal RUP ed inviato all'Ing.Perillo per il Commissariato di Governo, al Prefetto di Caserta e al Comune di Carinola! Cominciano con un esame del suolo a qualche metro di profondità in più punti per poi proseguire con il carotaggio ad una profondità di circa sei metri e si proseguirà con l'analisi della permeabilità del sottosuolo, per poi terminare con l'analisi delle acque! Le operazioni dureranno diversi giorni, almeno sette. Tutto questo era comunque stato stabilito prima che fosse nominato il nuovo supercommissario, l'ex capo della Polizia De Gennaro, nel quale tutti confidiamo per il superamento di questo gravissimo problema che sta causando danni incalcolabili alla nostra economia e soprattutto alla salute ed all'immagine del nostro territorio! Noi siamo completamente d'accordo sulle misure adottate, almeno ad una prima lettura, anche sul cosiddetto superamento dei consorzi dei rifiuti napoletani e casertani ed anzi avremmo gradito il dimissionamento di Bassolino e Pecoraro Scanio.Ma il problema non si ferma qui e basta uscire di casa per accorgersene. Ormai i cumuli di rifiuti in prossimità dei famigerati cassonetti hanno raggiunto quote altissime sia in altezza che purtroppo in larghezza. e, ciò che è più grave  è che sono vicini alle abitazioni ! Bisogna spostarre subito i cassonetti ed allontanarli dalle abitazioni e ci meraviglia che i responsabili non lo abbiano ancora fatto, sia nelle grandi che nelle piccole frazioni. Carinola di frazioni ne ha tante, ora anche fazioni, ma ha anche tanto spazio e credo che almeno adesso si può fare qualche passo in più per gettare l'immondizia! Ci meraviglia poi che, pur avendolo richiesto nelle sedi competenti, oltre ad averlo scritto qui, non si sia ancora provveduto a sospendere i mercati rionali settimanali, ma che si aspetta, penso soprattutto a Casale ed alla circonvallazione col mercato! Bisogna ordinare agli esercizi  di non utilizzare le buste di plastica e gli involucri di cartone vanno distrutti direttamente dagli esercenti ed infine evitare che aumentino i randagi, che disperdono immondizia dappertutto! 

Giunta stamane la comunicazione ufficiale da parte del Commissariato per l'Emergenza Rifiuti in Campania della data e dell'ora d'inizio delle operazioni di carotaggio (estrazione di campioni di roccia (carote)dal sottosuolo) in località Carabottoli, Giovedì prossimo 10 Gennaio 2008 alle ore 9,00. Tali operazioni erano state concordate con il Sindaco di Carinola unitamente agli Sindaci interessati  in un verbale stilato presso la Prefettura di Caserta nella ultima riunione di pochi giorni fa, per veificare la idoneità o meno del sito. Quindi a distanza di poche ore dalla notifica del Ricorso al Tar Lazio contro il Commissariato e contro il Comune di Carinola per l'annullamento della ordinanza del commissariato n.354 e la famosa delibera del Consiglio Comunale di Carinola con la quale era stato indicato, con tutte le riserve più volte menzionate negli altri articoli di questo sito sull'argomento ivi comprese le verifiche sulla idoneità tecnica del sito, Carabottoli.Il Consiglio comunale di oggi aveva ancora una volta all'O.d.G. la surroga di un consigliere comunale di minoranza dimissionario, ma, come spesso è accaduto, il subentrante non era presente.Per l'occasione il Sindaco ha proposto al Presidente del Consiglio di verificare la decadenza di consiglieri neo-eletti, assenti già da tre sedute, poichè lo Statuto Comunale prevede tale decadenza per tre assenze consecutive. Oggi erano però assenti anche l'ex capogruppo del Partito Democratico DE RISI, il consigliere PD D'ANGELO Domenico e l'assessore Mario Nicolò. 

Stamane è giunto al Comune di Carinola un ricorso presentato al TAR Lazio da decine di Aziende Agricole ed Allevatori  per l'annullamento dell'Ordinanza del Commissariato per l'Emergenza rifiuti che ha individuato Carabottoli e nei confronti del Comune di Carinola per la delibera del Consiglio Comunale! Intanto i rifiuti abbandonati in ogni dove minacciano la salute dei cittadini caleni ed è necessario prendere provvedimenti per cui è stata convocata per la mattina dell'Epifania alle 10,30 una riunione  di tutti i consiglieri di maggioranza e dei responasabili dei partiti della coalizione per verificare la possibilità di giungere ad una decisione unanime sul da farsi! Secondo noi è necessario sospendere tutti i mercati rionali nelle varie frazioni e nel capoluogo, vietare ai commercianti l'utilizzo di buste di plastica ed in caso di necessità utilizzare involucri di carta , invitando i cittadini a recarsi presso i supermercati con le borse, riprendendo le vecchie, buone abitudini. Bisognerebbe inoltre  incentivare la differenziata! Domani sono stati invitati anche gli amministratori di Falciano del Massico per verificare la possibilità di soluzioni che possano venire incontro contemporaneamente ai due comuni limitrofi. In ogni caso bisognerà rispettare alla lettera le procedure indicate nella missiva del Commissario Straordinario circa la richiesta di attivazione straordinaria di siti ed in particolare:Indispensabile preventiva asseveramento alla attivazione del sito da parte dell'ARPA Campania e quindi:1.Strada carrabile di materiale coerente con pendenze inclinate verso le caditoie di raccolta delle acqu;2.Separazione fisica con idonei teli del quantitativo di rifiuti da abbancare;3.Determinare preventivamente il quantitativo dei rifiuti massimo da abbancare a seconda della ampiezza, della localizzazione e delle caratteristiche;4.Illuminazione artificiale del sito;5.Predisposizione sistema antincendio;6.Sanificazione ambientale con abbattimento degli odori;7.Sistema di drenaggio,raccolta e stoccaggio del percolato e relativo svuotamento e smaltimento;8.Predisposizione accesso ed egresso;9:Adozione sistema stoccaggio RSU da garantire tutela lavoratori in caso di incendio;10.Determinazione preventiva del termine massimo durata conferimento. Si sollecitano i comuni che non sono in grado di provvedere autonomamente a stipulare accordi intercomunali per il conferimento. Ora o mai più!

ImageDa qualche giorno nostra signora televisione tace su Carabottoli, per la verità anche i numerosi siti web dedicati o meno e quelli dei comuni più o meno interessati non danno più notizie su quanto si sta decidendo la sorte di questa parte del nostro Comune, dove sembrano fissate le mire del commissariato per la soluzione della emergenza rifiuti almeno per quanto riguarda il sito per lo stoccaggio delle ecoballe! Eppure di cose ne stanno accadendo e addirittura oggi c'è stato un altro summit in prefetttura a Caserta, seguito all'ordinanza del Sindaco di Carinola di messa in sicurezza della zona, summit di cui sconosciamo l'argomento e l'esito, anche se il fatto che nelle ordinanze precedentemente notificate veniva indicata la data del 5 Gennaio per l'inizio delle operazioni, ci mette una certa agitazione!  Non tutti i siti web però tacciono su Carabottoli, anzi quello del corriere della sera di oggi  ed in particolare la pagina curata niente popò di meno che da Beppe Severgnini ha pubblicato questa e-mail inviata da Londra e indovinate da chi?Giulio Ceraldi, il mio fratellino, permettetemi di esserne fiero,eccola:

Non esiste un modo "eco-compatibile" di gestire il problema rifiuti?

Caro Severgnini, 

Con delibera di Giunta sono stati nominati in luogo dei componenti  dichiaratisi non disponibili quattro nuovi componenti del Gruppo Operativo della biblioteca comunale nelle persone degli Avvocati Brigida Miola e Vincenzo D'Ausilio, Mario Bertolino e della Dott.Maria Cerbarano già convocai per una ennesima riunione operativa per la classificazione dei testi donati dalla signora di Reggio Emilia e di alcuni testi donati dal Presidente del Comitato Scientifico Prof.Goffredo Sciaudone impegnatissimo per la realizzazione di quello che fino a pochi mesi fà era considerato un sogno per la nostra comunità.Molti testi sono stati già classificati ed appostati negli scaffali ma il lavoro è ancora arduo per poter scrivere la parola fine a questo ambizioso progetto! I giovani del gruppo operativo stanno comunque lavorando  sodo e con grande serietà e siamo certi che ben presto raggiungeranno l'agognato traguardo e finalmente la biblioteca comunale potrà essere aperta al pubblico. Si è pensato di dotare la struttura anche di un televisore e di un lettore DVD per poter mettere a disposizione degli utenti altri tipi di supporti per la gioia e la soddisfazione di tutti i concittadini che vorranno finalmente frequentare un luogo di ritrovo diverso dai soliti bar in queste fredde giornate invernali! Ai nuovi nominati  che andranno ad affiancare Dimitri Pierri, Gabriella Caldarone, Giuseppe La Vecchia,Carmine Guarriello,Elisa Ricciardi,Anna Maria Trabucco e Agnese Ullucci, vanno gli auguri più sentiti della nostra redazione oltre al ringraziamento di quanto stanno facendo e faranno , gratuitamente, per la nostra popolazione!Grazie ragazzi e ad majora!

Purtroppo a margine della vicenda che sta ormai da due mesi interessando il nostro Comune(Ecoballe) si è verificato un gravissimo incidente stradale, proprio a poca distanza della zona presidiata a Carabottoli, incidente a causa del quale ha perso la vita un nostro grande amico, Sottufficiale in pensione dell'Aeronautica Militare, Francesco Caldarone da Casanova di Carinola, siamo affranti dalla notizia e partecipiamo al dolore delle famiglie! Desideriamo comunque informare su quanto accaduto in data odierna:Convenuti a Carinola i Sindaci di Francolise, di Grazzanise e di Cancello Arnone che hanno colloquiato per oltre un'ora con il Sindaco di Carinola sulle iniziative da intraprendere per difendere Carabottoli dalla offensiva del commissariato per l'emergenza rifiuti! I Sindaci sono tutti d'accordo su un punto: prima di qualsiasi decisione di qualsiasi genere viogliono un colloquio con il neo Commissario Prefetto Cimmino e al colloquio deve, indispensabilmente essere presente il Presidente della Provincia Sandro DE FRANCISCIS. Subito dopo la Giunta comunale calena ha deliberato di incaricare il legale per proporre ricorso al TAR avverso le ordinanze 453 e 457 dell'11.12.2007 e del 13.12.2007 pervenute al Comune di Carinola il 18.12.2007, afferenti alla realizzazione di un sito di stoccaggio di rifiuti secchi ed imballati derivanti da vagliatura in località Carabottoli del Comune di Carinola. Nella lettera di trasmissione delle ordinanze era scritto che i lavori , che in progetto assommavano a € 6.849.887,3 lavori che avrebbe dovuto eseguire la SIMONT S.p.A. con sede in Napoli, sarebbero stati consegnati il 18.12.2007 e sarebbero terminati il 18/02/2007 e che la gestione della prima parte del sito sarebbe iniziata il 5 Gennaio 2007! Allo stato non ci risulta che vi sia stata l'immissione in possesso del Commissariato, anzi l' ordinanza emessa ieri dal Sindaco di Carinola ha impedito, almeno fino ad ora l'ingresso di chiunque sul sito! Staremo a vedere . . .

Ancora una volta il Sindaco di Carinola Pasquale Di Biasio emette un'ordinanza di messa in sicurezza per Carabottoli, come già fece per Vaglie, forte della documentazione geologica, Arpac e Asl, inibendo l'ingresso al sito ad uomini e mezzi del Commissariato di governo guidato dal neocommissario Cimmino che secondo il più grande quotidiano economico italiano, il sole24ore, di oggi a pag.15, "sta contrattando, tra le solite platealki contestazioni dei residenti e i dubbi dei politici, l'apertura di un sito a S.Tammaro e di un'area di stoccaggio per Ecoballe a Carinola."Questo è scritto in una rticolo dal titolo:"Discariche il no della Iervolino  (F.Prisco)". L'ordinanza sindacale di oggi è stata emessa dopo che il primo cittadino caleno ha esaminato la documentazione che i tecnici del neocommissario hanno prodotto in data odierna! Intanto oggi si è tenuta a Napoli la direzione regionale ANCI con all'O.d.G. l'emergenza rifiuti, ma questa volta, che forse era più necessario, non era presente alcun prefetto e neppure un opresidente di provincia, mentre erano praticamente tutti presenti i componenti del direttivo molti dei quali Sindaci, in primis quello di Savignano Irpino, comune di poco più di mille anime, ai confini della regione e confinante con Ariano Irpino, dal quale erediterebbe la discarica, nonchè Carinola che ha fatto sentire la sua voce sottolineando l'incredulità di una scelta di cui ancora si sconosce la motivazione. Secondo i presenti andava incentivata, raccomandata e privilegiata la differenziata, il fatto che la Jervolino, come asseriva il suo rappresentante, fosse oggi stesso andata in delegazione dal Ministro Amato per non far aprire la discarica di contrada Pisani-Pianura ma di "raccomandare" le cave di Caserta e quelle militari, è stato molto stigmatizzato e non condiviso! Basta con il napolicentrismo, tuonava anche il Sindaco di Portici Enzo Cuomo e quello di Ercolano Nino Daniele, è ora che ogni provincia  provveda per i propri rifiuti! sembra quasi che anche il criterio della bonifica delle cave dismesse sia stato come un vestito su misura per evitare o allontanare l'allocazione di siti dalla provincia napoletana che di cave dismesse non ne ha o quasi! E a proposito di quanto pubblicato dal Sole di oggi: dove e con chi?

Sottocategorie