Il 29 giugno a Napoli, in un letto del Monaldi, moriva Bernardo Macarone.  Negli ultimi giorni le sue condizioni si erano aggravate, sapevamo che la sua vita era appesa ad  filo e,  a quell’ esile filo avevamo appeso le nostre preghiere. Poi quell’ ultimo messaggio di Vincenzo D’Ausilio che aveva

bernardo macarone0seguito giorno dopo giorno il calvario di Bernardo, un  sms  con  quale Vincenzo  ci  comunicava che  :” il nostro Presidente era nelle braccia del Signore”.  In quel momento non si era fermato solo il grande cuore di Bernardo, ma anche quello di Carinola. Con Bernardo moriva in quel momento quella Carinola signorile di cui lui era l’ emblema più significativo. Con Bernardo svanivano tante belle storie  legate alla Confraternita dell’ Immacolata una delle più antiche della Diocesi che lui aveva retto con bernardo macarone1impegno e con onore come Priore fino alla morte. Svanivano tante belle storie legate alla Festa di S. Bernardo di cui lui era stato il “Presidente del Comitato “ per circa 30 anni. Ma svanivano tante belle storie di vita quotidiana vissuta all’ insegna della fraternità più autentica. Durante la notte, i ricordi, le emozioni, le sensazioni si affannavano tra loro e si affollavano tra la  mente e il  cuore.  Riannodavo  come in un flash-back la storia degli ultimi  trent’ anni di Carinola di cui Bernardo era stato in  umiltà e generosità il protagonista  principale.  Le belle cene dei primi anni  a Formia, nel ristorante a noi caro con Mario Tuozzi e Giovannino Di Pasquale,  il ritorno a casa a bordo della sua Croma e per fortuna all’ epoca non c’era la prova del palloncino. Le cene poi degli ultimi anni nelle nostre case, in cui puntualmente e volutamente  si finiva a discutere  su quale tra il suo e il vino di Carlo Corribolo  era quello più buono. I tanti pellegrinaggi, S. Giovanni Rotondo, le ascensioni su Monte Massico sull’ eremo di S. Martino momenti indimenticabili di preghiera e di fraternità assoluta. Le serata su Piazza Castello per racimolare quale lira per la Festa. Decenni della nostra vita che non tornano più.  Il giorno dopo, in quel torrido pomeriggio del 30 giugno, tutta Carinola volle attendere sulla  “cabina dell’ Enel”, all’ ingresso del paese il feretro proveniente da Casale. Le lacrime dei tanti Casalesi, in pochi minuti si univano  a quelle dei tanti Carinolesi. Sapevamo che Bernardo era molto legato a Casale, alle feste di S. Maria della Grazie e di S. Paolo. Ma, solo in quel momento avemmo la percezione chiara di quanto Bernardo era riuscito a farsi  volere tanto  bene anche a Casale non solo a Carinola.  Quando il corteo entrava  nella parte antica del paese,  dove inizia il basolato, avemmo l’ impressione che anche le basole, se avessero potuto, si sarebbero sollevate dal suolo, per rendere omaggio a Bernardo, per ringraziarlo della grazia e della educazione  con le quali le aveva calcate nei suoi 65 anni di vita.  Poi la Cattedrale stracolma,  gremita di gente proveniente da tante parti, volti solcati da lacrime, il picchetto d’ onore reso dai Confratelli della Immacolata, la sua Confraternita.  La cerimonia, l’ omelia con le belle parole di don Enrico Passaro che evidenziava la generosità profonda di Bernardo e quell’ immagine scolpita nella nostra  mente e nel nostro  cuore di Don Amato che si inginocchia innanzi alla bara  di Bernardo  dicendo   “quest’  uomo era un santo” .  Mai Carinola per quello che ricordo, aveva vissuto un funerale con una partecipazione così imponente  al dolore.  E’ passato solo un mese e sembra già una eternità.  Domenica 31 luglio è la festa di S. Bernardo, una festa a cui Bernardo era legatissimo di cui era  stato per circa  30 anni il Presidente del Comitato.  Un record imbattibile. Nessun altro potrà per il futuro essere etichettato  come “il Presidente”,  quel titolo è riservato solo a lui.  Sarà una Festa venata da una tristezza profonda. Bernardo aveva fatto della signorilità, della onestà  della  rettitudine,  della umiltà, della bontà, della generosità, dell’ amore verso gli altri, i valori fondanti della sua vita nel lavoro come nel privato.  Aveva amato infinitamente la sua famiglia, la moglie,  le figlie, il genero, i nipotini, le sorelle, i cognati, i figli delle sorelle che per lui erano figli e non nipoti. Legatissimo anche al cugino Enrico.  Ma Bernardo aveva una famiglia più allargata, voleva bene a tutti a Carinola come a Casale e tutti gli volevano bene. In una giornata particolare dedicata al grande Vescovo Bernardo, Il Comitato Festa 2016 diretto magistralmente da Enzo Panico,  nel corso della Solenne Messa delle ore 11.30, domenica 31 luglio, nella Cattedrale di Carinola consegnerà una  targa a Pina moglie di Bernardo. Un gesto semplice, modesto che però racchiude in sé un sentimento di affetto immutato e di stima profondissima per Bernardo. Caro Presidente, ci manchi tantissimo. Ci manca soprattutto il tuo modo di guardarci con quel tuo  sorriso che era il tuo biglietto da visita con il quale dicevi tutto senza aprire bocca.  Tuttavia  avvertiamo la tua presenza. Probabilmente sarà l’ insegnamento,  il testamento spirituale che ci hai lasciato. Fino al 29 giugno 2016 noi tutti,  abbiamo avuto il privilegio di  percorrere fianco a fianco a te la strada della nostra vita, a fianco di  un santo come ti ha definito  Don Amato e chi più di lui ti conosceva,  oggi siamo soli ma solo fisicamente perché  tu continui a camminare fianco a fianco con noi.  Grazie Bernardo , grazie Priore,  grazie  Presidente.


Percorso

CHI E' ONLINE

Abbiamo 173 visitatori e nessun utente online

 

 

Statistiche Sito

Utenti
68
Articoli
6863
Visite agli articoli
10661498

GDPR e EU e-Privacy