contest2Si è concluso "Contesti" "l'incontro della letteratura con le altre arti che, toccandosi, si influenzano a vicenda." Esordisce così la locandina che pubblicizza la seconda edizione dell'evento clou dell'Associazione Amici della Biblioteca di Carinola che può anche toccare cime di successo planetario ma non vedrà mai, del resto come ogni altro evento allestito dalle altre Associazioni Culturali, la partecipazione massiccia dei promotori di queste ultime. Chiaro che la platea

di riferimento di questa Associazione è assolutamente diversa da tutte le altre ma è significativo però che neppure una sparuta rappresentanza di una di un'associazione, qualunque essa sia, presenzi  ad un evento, qualunque esso sia, allestito e rappresentato da ciascuna delle altre associazioni. Lo dice uno contest7che più o meno è presente quasi a tutti gli eventi. Mi esimo dal dire i nomi ma:"Hai visto mai Tizia o Caio presente ad un evento che non sia quello da lei o lui allestito?"  Torniamo a "Contesti" ed alla seconda giornata. Alla prima sono rimasto estasiato dalla presentazione del libro di Carmen Pellegrino "Cade la terra!" Sarà l'ambiente caldo e familiare della biblioteca, sarà il fatto che buona parte del nostro comune, specie nelle piccole frazioni,dove qualcuna è quasi sparita, ma anche nelle grandi, è costituito appunto da vecchi fabbricati abbandonati,con buona pace del PUC, sarà  la simpatia dell'autrice e della sua interlocutrice ma oltre all'anima ed alla vita, che l'autrice vede appunto negli edifici abbandonati tanto da guadagnare l'appellativo di "abbandonologa" non si può negare che "Contesti" è , senza voler togliere la rispettiva importanza ad ognuno di tutti gli altri che hanno le loro peculiarità, insieme a "Lunarte", tra gli eventi organizzati nel nostro comune, il più vivo e vegeto e quello che fa più audience e tiene più banco, due giorni, di tutti gli altri e che non attira solo ed esclusivamente gli "addetti ai lavori" , contest5cioè protagonisti organizzatori e relativi parenti ma ragazzi e meno ragazzi provenienti da ogni parte: è il fascino del libro che non morirà mai e questo è il suo festival.

Se qualcuno avesse qualche dubbio in proposito abbia la bontà di dedicare qualche minuto al video sottostante che rappresenta uno degli eventi di ieri:la presentazione del libro di Attilio Coco: "L'odore della polvere da sparo".La brochure informativa diceva:"L'autore discute del suo libro con il Prof. Filippo Ianniello!" Come potrete vedere e sentire, la discussione diviene generale ed è contest1diventata ben presto un vero e proprio scontro, ma non tra  il prof.Ianniello e l'autore Coco bensì tra i relatori e la platea che vedeva Antonio Pascale e Diego De Silva,che poi sarebbero stati protagonisti nell'incontro successivo per la presentazione del libro "Terapia di coppia per amanti" di Diego De Silva, dissentire specie su opinioni espresse dai relatori su Pasolini e non solo, a più riprese ed animatamente, con loro altri intervenivano per esprimere le loro opinioni Claudio Passaretti, Dimitri Pierri, Antonella Bovino, Emanuele Sciaudone, che ha sostenuto l'importanza dell'estetica indipendentemente dall'etica.

E' stato tutto molto interessante e piacevole. C'è stata poi la presentazione del libro di Diego De Silva introdotto prima da Carmine Guarriello che aveva preso posto al parterre nel momento più infuocato proprio per gettare acqua sul fuoco e sedare gli animi nella presentazione precedente, quella del libro di Attilio COCO, il cui titolo, l'odore della polvere da sparo, non poteva essere più "azzeccato", vista la situazione "esplosiva" che si era venuta a creare nella platea, platea che si faceva sempre più numerosa anche perchè la serata si sarebbe contest4conclusa con uno spettacolo musicale del gruppo "The Niro" per la felicità dei tantissimi giovani presenti.

Durante la presentazione di questo libro sia De Silva che lo stesso Pascale hanno espresso compiacimento per la presenza del sindaco Luigi De Risi. "Non mi è mai capitato di avere un sindaco nella platea delle mie presentazioni-ha detto De Silva- Sindaco e/o assessori erano sempre impegnatissimi ed impossibilitati ad essere presenti o almeno così mi veniva detto."

Il Sindaco De Risi era raggiante ed ha preso la parola  sottolineando quanto si sia speso, e non solo nel senso economico-finanziario del termine, per le varie manifestazioni culturali, ricordandole e nominandole tutte, una per una! Del resto anche a Carinola tutti gli altri o quasi, ho visto Franco Di Biasio, erano impegnatissimi e/o comunque assenti. Dopo c'è stato  il monologo di Antonio Pascale, monologo che per la verità non mi ha entusiasmato a parte le clip di Troisi sfocate sullo schermo. Probabilmente perchè non sono più giovane, anche nel senso indicato dall'autore del monologo.Ottima, nel secondo video qui sotto, l'intervista a Mario Bertolino, in grande spolvero, sottolinea, e giustamente, l'arrivo a Carinola per assistere a "Contesti" degli istituti comprensivi di S.Maria Capua Vetere e Caserta.

"Quando ero studente eravamo noi che andavamo nelle grandi città. . .ora vengono loro qui!" Ha ragione!


Percorso

Abbiamo 834 visitatori e nessun utente online

 

GDPR e EU e-Privacy

EVENTI

Nessuna immagine