Come una "novella Fenice" che rinasce dalle proprie ceneri risorgerebbe quindi De Risi con un "pacchetto di mischia" che, oltre a lui, vedrebbe Maria Teresa D'Angelo, l'assessora, Antonio Pagano, ex assessore, Antimo Marrese, assessore e Francesco Di

Spirito, Presidente del Consiglio Comunale i quali, mi conferma telefonicamente lo stesso Pagano, si incontrerebbero domani sera, a Falciano del Massico ( nella pizzeria di Francesco?ndr), per una cena "politica" naturalmente!

Sempre a Falciano del Massico, ma alla fine della scorsa settimana , in un locale che una volta si chiamava zio Tutu, c'è stata un'altra cena, che vedeva allo stesso tavolo Igor Prata, Giovanni Di Gennaro, Salvatore Marrafino, Enzo Bertone, Pasquale Galdieri, Gennaro Mannillo , Massimo Valletta (il marito di Pia Zampi n.d.r.), Giuseppe Montano e Luigi Maria Verrengia .

"E' stata una cena bellissima, sotto tutti i punti di vista e soprattutto da quello amicale!" Ha detto Luigi Maria Verrengia che aggiunge"Chiaro che nostro interlocutore naturale può essere il PD ma sottolineo il Partito!" E lo ripete due volte, anzi tre, senza preoccuparsi  evidentemente di non dare anche un connotato politico all'evento!

Durante la cena, è certo, ha preso la parola Giovanni Di Gennaro facendosi interprete della stragrande maggioranza dei commensali che, provenienti dalla stessa frazione, Casanova di Carinola, lamentano, come lui, il completo abbandono in cui versa la loro frazione dandone evidentemente e neppure troppo larvatamente le responsabilità alla attuale amministrazione.

Quest'ultima però, come Pier Capponi, risponde allo squillo di tromba  con le proprie campane, anzi una parte di quelle, che, secondo quanto ho detto, squilleranno domani sera ed a poche decine di metri di distanza!

Intanto registriamo che la riunione del PD che addirittura  avrebbe dovuto vedere riuniti gli iscritti in assemblea per stasera sembra essere svanita nel nulla, eppure me l'aveva assicurato lo stesso Verrengia nella conversazione avuta il giorno successivo alla famosa seduta!

Non c'è da meravigliarsi comunque per queste sparizioni perchè proprio oggi Rino Di Cresce, anche lui neo iscritto al PD, mi parlava del famoso verbale della seduta del Circolo PD nella quale si sarebbe deciso che il candidato sindaco del PD fosse Franco Di Biasio.

"Appena iscritto ho ritenuto giusto abbracciare l'idea e farla mia! E l'ho detto e scritto sul blog! Ora pare che di questo verbale dove si è deciso Di Biasio Sindaco non c'è tracccia!"

Io avrei aggiunto che non mi sembra vi sia traccia di altri iscritti che abbiano esternato sui blog questa volontà ma, appena un'ora fa, il mio pensiero viene smentito niente di meno che da Pasquale Di Biasio, che mi dice:"Ho letto stamane sul giornale di dichiarazioni fatte da Verrengia che non si addicono a chi si è appena iscritto ad un partito ed in particolare al PD. Mi meraviglio che le affermazioni sulla sindacatura fatte da Verrengia ad un quotidiano locale vengano fatte dallo stesso che solo pochi giorni fa stigmatizzava il comportamento di Marrese come iscritto al PD. Io, lo sai, ero per le larghe intese e me ne ero veramente innamorato, poi un "autorevole politico" (non ne fa il nome ma è facile intuire chi ndr) non ha permesso che si facessero! - ed ha aggiunto- Pazienza! A questo punto io come uomo di partito e del PD sostengo la candidatura di Franco Di Biasio a Sindaco!"

Quindi ricompare e con il crisma del leader la candidatura di Franco!

Chiedo però a Pasquale ed a chiare lettere:"Allora escludi che possa esserci una tua candidatura a sindaco, visto che se ne parla?"

"La escludo in modo categorico e definitivo!" Mi risponde.

La cena di Movimento Inverso di fine settimana ha colpito quindi ed in più direzioni. C'è stata oltre alla smentita categorica di un Di Biasio Pasquale candidato a sindaco anche la smentita di qualsiasi candidatura dell'Avv. Olindo Zannini di Casanova di Carinola che mi dice:"Allo stato, non ho avuto alcuna richiesta di candidatura da alcuna formazione di alcun genere."

Si rivelerebbero quindi, allo stato, campate per aria tutte le conseguenti dissertazioni e discrasie su Augusto Bertone e Giovanni Di Gennaro che restano amici, li ho visti ieri insieme in piazza De Rosa, indipendentemente da ogni posizione politica.

Riusciranno intanto i conviviali di domani sera a raggiungere l'obiettivo prefissato?

Il fatto che hanno preannunciato l'evento  fa comunque la differenza .


Percorso