Peggio che al Polo Nord dove i giorni di luce sono 180 ed altrettanti quelli di buio qui sono 340 (trecentoquaranta) i giorni senza luce di Borgo Migliozzi. Mancano quindi solo venticinque giorni al triste compleanno di questa borgata del Comune di Carinola abitata da almeno venticinque famiglie che pur

pagando le tasse, come tutti (o quasi secondo quanto riferito dal sindaco De Risi in più occasioni)i cittadini ma non possono usufruire, come tutti gli altri, dell'impianto di Pubblica illuminazione . L'impianto, come potrete rilevare negli articoli di carinola.net sotto richiamati, subì un "trauma" i data 6 Marzo 2015  a seguito di una tempesta che oltre al famoso pino dell'Istituto delle Suore dell'Immacolata di Genova a via S.Biagio a Carinola, fece crollare tanti altri alberi e tra questi un pioppo dal grosso diametro a Borgo Migliozzi. Queste cadute causarono il guasto ed il guasto non è stato più riparato! Così le venticinque o più famiglie di questa borgata che vede tra i suoi abitanti la famiglia di origine di Alessandro CIOTOLA, che mi ha ancora una volta informato ma anche quella dell'ex Presidente del Consiglio Comunale dell'Amministrazione Mannillo, Giovanni Micillo ma vicino casa sua sembra che la pubblica illuminazione ci sia il tratto che e la famiglia d'origine di Gianpietro Migliozzi  che si adoperò per la raccolta delle firme nell'intero Comune per protestare contro il caro-tasse-comunali. Secondo quanto mi si riferisce, pare che qualcuno dell'amministrazione avrebbe giustificato la non soluzione con la mancanza di fondi per provvedere alla riparazione e ripristinare l'impianto di pubblica illuminazione di Borgo Migliozzi nella parte che va dalla strada statale n.7 Appia fino al ponte della ferrovia. Ma tale riparazioned il conseguente ripristino non rientrano nel contratto a suo tempo stipulato con ENEL SOLE e o SACOM che costa alcune centinaia di migliaia di euro all'anno al Comune e che sarebbe stata oggetto di una consulenza tecnica di parte richiesta dall'Amministrazione in carica e costata alcune migliaia di euro!
E' trascorso un anno e solo un consigliere di minoranza,Luigi Maria VERRENGIA, insieme allo stesso CIOTOLA ha raccolto le firme delle venticinque famiglie e quasi un mese fa le ha protocollate unitamente ad una interpellanza non ancora discussa in consiglio comunale. Nè assessori, candidati sindaci, ne consiglieri di maggioranza sembrano essersi curati, per quanto ne sappiamo, di risolvere questo incredibile  disagio che attanaglia queste venticinque o più famiglie alcune delle quali nel frattempo ed ovviamente di notte hanno pure subito tentativi di furto e furti veri e propri anche di mezzi agricoli.
Nel frattempo vi sono stati guasti anche in altre zone del comune e nelle grandi frazioni, più o meno subito riparati! Perchè questo di Borgo Migliozzi non viene preso in considerazione? Non fa parte del Comune o lo si è dimenticato nel contratto o non sono state pagate le somme dovute all'ENEL SOLE o SACOM? O comunque perchè non si ripara l'impianto per far tornare la luce a Borgo Migliozzi in quel tratto?
Intanto non si contano le iniziative di ogni genere prese da soggetti e o associazioni pagate dall'amministrazione comunale, iniziative realizzate e pagate  in questo quasi anno, nei 340 giorni che vanno del 6 Marzo 2015 ad oggi e non richiamo quella della strada appena conclusa che porta alla Basilica di S.Maria in Foro Claudio che è una cosa utile senza ombra di dubbio!
Cionondimeno anche il funzionamento dell'impianto di pubblica illuminazione a Borgo Migliozzi è utile anzi è indispensabile!

BORGO MIGLIOZZI AL BUIO DA 58 GIORNI

ISOLATA BORGO MIGLIOZZI CHIUSA LA MEDIA

 


Percorso

Abbiamo 227 visitatori e nessun utente online

 

GDPR e EU e-Privacy

EVENTI

telethon.jpg