Potremmo dire che in questa sorta di spending review delle parrocchie viene soppressa la parrocchia di S.Maria in Foro Claudio  di Ventaroli e San Donato, ma in effetti non è così, resta però il fatto che non avrà più  un suo parroco in esclusiva ma dovrà condividerlo con Casale: parte don Paolo che approda alla parrocchia di S.Angelo e arriva

don Luciano che perde Valogno ma resta a Casale. In effetti, se volessi descrivere in poche parole gli avvicendamenti parrocchiali nella Diocesi di Sessa Aurunca, direi che non c'è stato un criterio che abbia visto subire l'avvicendamento parrocchie che avevano il loro parroco da più anni rispetto ad altre, ma "Le fasi saranno due- è scritto nel comunicato stampa di S.E. il Vescovo Piazza e "non v'è stata alcuna influenza nè alcuna pressione" ha risposto alla mia domanda su episodi che avrebbero potuto influenzare le decisioni o comunque condizionarle, riferendomi ovviamente ai fatti di Cascano di molti anni fa.

Quando alle 16,20 ho raggiunto il seminario, pensavo fosse tardi, e invece l'incontro del Vescovo con religiosi, sacerdoti e direttori dei Consigli Pastorali della Diocesi di Sessa Aurunca è durato quasi un'ora e mezza ed invece era stato previsto che durasse mezzora e la conferenza stampa che doveva cominciare alle 16,30 è cominciata alle 17,30 e i parrocchiani di Nocelleto erano già andati tutti via.

Tra sacerdoti e direttori dei consigli pastorali ne ho contati presenti quasi un centinaio, tra i pastorali ho notato Vincenzo D'Ausilio di Carinola e Riccardo Luberto di Casale. Non è stato facile far digerire i cambiamenti e lo si è capito non solo dalla durata dell'incontro con i consigli pastorali ma anche dall'abbrivio della stessa conferenza stampa di S.E.Vescovo che, come potrete ascoltare dal video, parla di sofferenza dei fedeli ! Ho sentito alcuni  lamentarsi dei continui avvicendamenti  e quando sono arrivato erano tanti i parrocchiani della parrocchia di S.Sisto II, Atalia Golia, Monfreda, Passaretti, Capezzuto, quando gli ho detto in anteprima che il loro nuovo parroco era don Michelangelo Tranchese, non mi credevano! Mario Napolano e signora che pure attendevano fuori in trepida attesa hanno accolto la notizia di don Enrico Passaro con gioia. Falciano del Massico avrà un solo parroco don Valentino Simoniello che avrà la collaborazione di don Michelangelo Tranchese.

A Casanova arriva don Luigi Manica .  A Sessa Aurunca nella parrocchia di S.Stefano va don Carlo Zampi e don Angelo Polito sempre a Sessa ma nella parrocchia S.Agata oltre che Marzuli, ed invece don Raffaele Coppeta è parroco di Corbara e Valogno, don Edoardo Paparcone rimane parroco di Tuoro e avrà il titolo di canonico Penitenziere della Cattedrale, don Lorenzo Albano parroco di Lauro e don Roberto Guttoriello  parroco dell'Annunziata a Sessa Aurunca.

A Mondragone , alla Cattedrale Maria SS.Incaldana, don Franco Alfieri, a S. Rufino, don Osvaldo Morelli; a S.Giustino don Emilio Fusco, a S.Nicola don Ferdinando Iannotta, a S.Michele Arcangelo don Paolo Marotta. A Cellole don Lorenzo Langella parroco unico proveniente da S.Nicola Mondragone, a Carano invece approda don Achille Taglialatela. Don Luciano Marotta resta a Casale di Carinola cui vengono accorpate Ventaroli e S.Donato. Quindi, come al solito, i piccoli anzi le piccole debbono cedere il passo e vengono accorpate allre più grandi ma è chiaro che non potevamo pensare di poter conservare ancora a lungo un sacerdote della valenza, della simpatia, della capacità aggregativa e soprattutto della vulcanicità, in senso buono, di don Paolo, non sappiamo se e come può essere considerata la parrocchia di approdo, ma lasciatemelo dire, mi sarei atteso molto di più!  Saranno comunque felici a Casale ma resta il dubbio se al secondo turno cambieranno parrocchia anche quelli  ai quali oggi  glie n'è stata aggiunta una !

 


Percorso

Accetta Cookies

Tu hai accettato di salvare cookie sul dispositivo che stai utilizzando. Questa decisione può' essere cambiata